Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Tremila pagine per spiegare perché sono state assolte le istituzioni e condannati solo i mafiosi

Dopo quasi un anno dalla sentenza emessa lo scorso 23 settembre 2021 dalla Corte d’Assise d’Appello, presieduta da Angelo Pellino e da Vittorio Anania, questa mattina sono state depositate le motivazioni della sentenza di secondo grado del processo Trattativa Stato-mafia.
La sentenza emessa dalla Corte d’Appello aveva disposto l'assoluzione dell'ex senatore Marcello Dell'Utri (“per non aver commesso il fatto”), dell'ex capo del Ros, il generale Mario Mori, del generale Antonio Subranni e dell'ufficiale dei carabinieri Giuseppe De Donno, accusati di minaccia a Corpo politico dello Stato, con la formula “il fatto non costituisce reato”. Inoltre, aveva anche ridotto la pena a 27 anni per il boss corleonese Leoluca Bagarella e confermato quella per il medico-boss Antonino Cinà. Con la sentenza di settembre, la Corte dunque ha ribaltato il giudizio del maggio 2018 con cui in primo grado (cinquemila pagine) erano stati condannati a 28 anni di carcere il boss Leoluca Bagarella, a 12 anni Dell'Utri, Mori, Subranni e Cinà.
È noto che ci fu una trattativa tra uomini delle istituzioni ed esponenti di vertice di Cosa nostra, come confermano entrambe le sentenze. Ora non resta che capire perché per la Corte d’assise d’Appello costituisca reato solo per i mafiosi e non per gli uomini di Stato. E quindi leggere come sono stati ricostruiti i fatti nelle tremila pagine depositate questa mattina.

Foto © ACFB

ARTICOLI CORRELATI

Trattativa Stato-mafia: altri 90 giorni per le motivazioni della sentenza d'Appello

Processo trattativa, sentenza ribaltata

Processo trattativa, le condanne sono solo per i ''soliti'' mafiosi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy