Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ma prosegue l’offensiva russa nel Donbass e in Donetsk: fuoco incessante di artiglieria e raid per fiaccare il nemico

“Gli occupanti si sono ritirati”. A scriverlo è lo Stato Maggiore ucraino riferendosi alla controffensiva dell’esercito ucraino ai danni dell’esercito russo il quale ha subito perdite significative durante il suo tentativo di offensiva nelle aree degli insediamenti di Verkhnokamianske, Belogorivka e Gryhorivka. L'esercito ucraino avrebbe anche respinto l'assalto delle truppe russe nei pressi di Dolyna, in direzione di Sloviansk, città dell'Ucraina orientale ritenuta dalla Federazione cruciale dopo Lysychansk e Severodonotesk.  Secondo l'esercito di Kiev, le forze militari russe sono state ricacciate indietro vicino a Dolyna, mentre sono in corso pesanti bombardamenti con mortai e artiglieria lungo la linea di contatto nelle direzioni di Avdiyivka, Kurakhiv, Novopavlivka e Zaporizhia.
Mosca, nel frattempo, ha lanciato un nuovo attacco verbale all'Occidente. “I Paesi occidentali devono rendersi conto di essere responsabili della morte dei civili nelle repubbliche del Donbass e in altre parti dell'Ucraina, dove il regime di Kiev sta usando le armi fornite dall'Occidente contro i civili soprattutto a scopo intimidatorio, il che è terrore di Stato", ha dichiarato il ministro degli Esteri Sergey Lavrov in visita a Hanoi, secondo quanto riferisce la Tass.
L'offensiva russa nel Donbass, dopo la conquista del Lugansk, prosegue con la stessa strategia anche in Donetsk: fuoco incessante di artiglieria e raid aerei per fiaccare il nemico prima di sfondare con le truppe nei centri abitati. Il prossimo obiettivo dei russi è Sloviansk, sottoposta a intensi bombardamenti da tre giorni, con morti e feriti, mentre le poche migliaia di persone rimaste in città sono state invitate a scappare dalle autorità. Civili che continuano ad essere le prime vittime di questo conflitto, come ha denunciato l'Onu.

Civili morti e in fuga
Secondo l’Alto commissario dell’ONU per i diritti umani Michelle Bachelet, sono 335 i bambini morti dall'inizio della guerra in Ucraina. Michelle Bachelet ha quindi condannato la "guerra senza senso" della Russia in Ucraina chiedendo la fine delle "insopportabili" sofferenze dei civili. Bachelet ha anche chiesto il risarcimento per le vittime della guerra, precisando che dallo scoppio delle ostilità sono stati documentati più di 10.000 morti o feriti tra i civili in tutta l'Ucraina, con 335 bambini tra i 4.889 decessi. E a proposito di morti, due civili sono stati uccisi e altri quattro sono rimasti feriti a causa dei bombardamenti da parte delle forze russe nella regione ucraina di Donetsk nelle ultime 24 ore. Nella sua ultima apparizione davanti al Consiglio per i diritti umani Onu, Bachelet ha anche lamentato che "mentre entriamo nel quinto mese di ostilità, il bilancio del conflitto in Ucraina continua ad aumentare”. Nel mentre, il sindaco di Sloviansk ha chiesto ai residenti rimasti di lasciare la città, dopo che i russi hanno intensificato i bombardamenti sulla città nel sud-est dell'Ucraina. "È importante evacuare quante più persone possibile", ha detto Vadim Lyakh in un'intervista alla Reuters, secondo quanto riporta il Guardian. Aggiungendo che "144 persone sono scappate oggi, inclusi 20 bambini". Sloviansk è uno dei principali centri abitati dell'oblast di Donetsk ancora sotto controllo ucraino. Il bombardamento di oggi ha provocato almeno 2 morti e 7 feriti.

Ucraina, l'arrivo dei filorussi ceceni a Lysychansk
Intanto la Russia ha realizzato due corridoi nel Mar Nero e nel Mar d'Azov per facilitare l'esportazione di grano, come ha reso noto il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, secondo quanto riporta RIA Novosti. "Stiamo adottando una serie di misure per garantire la sicurezza della navigazione nelle acque del Mar Nero e del Mar d'Azov - ha detto il ministro -. Il pericolo di mine nelle acque del porto di Mariupol è stato completamente eliminato".
Sempre nel Mar Nero la Federazione ha schierato tre navi da guerra e due sottomarini, che trasportano un totale di oltre 30 missili da crociera Kalibr come si legge sul profilo Facebook del Comando operativo meridionale di Mosca, secondo quanto riporta Ukrinform. "Nella parte nord-occidentale del Mar Nero, ci sono attualmente tre navi e due sottomarini pronte a lanciare più di 30 missili", scrive il Comando in un comunicato.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Ucraina: i russi conquistano l'intera repubblica di Lugansk

Stato maggiore Ucraina: prossima città sotto attacco russo Sloviansk

Ucraina: i russi continuano ad accerchiare Lisichansk

La Nato si prepara alla guerra totale contro la Russia

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy