Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Non sopporto che non si muova nulla di fronte a tanta ingiustizia.
Cinquant'anni fa, quando ho partorito per la prima volta come giovane madre, pensavo che non ci potesse essere dolore più grande, ma l'ho dimenticato presto quando ho tenuto tra le mie braccia il mio bellissimo bambino. L'ho chiamato Julian.
Ora mi rendo conto che mi sbagliavo. C'è un dolore più grande.
Il dolore incessante di essere la madre di un giornalista premiato, che ha avuto il coraggio di pubblicare la verità sui crimini governativi di alto livello e sulla corruzione.
Il dolore di vedere mio figlio, che ha cercato di pubblicare verità importanti, macchiato a livello mondiale.
Il dolore di vedere mio figlio, che ha rischiato la vita per denunciare l'ingiustizia, incastrato e privato del diritto a un processo equo, ancora e ancora.
Il dolore di vedere un figlio sano deteriorarsi lentamente, perché gli è stata negata l'assistenza medica e sanitaria adeguata in anni e anni di carcere.
L'angoscia di vedere mio figlio sottoposto a crudeli torture psicologiche, nel tentativo di spezzare il suo immenso spirito.
L'incubo costante che venga estradato negli Stati Uniti e poi trascorrere il resto dei suoi giorni sepolto vivo in totale isolamento.
La paura costante che la CIA possa realizzare i suoi piani per ucciderlo.
L'ondata di tristezza quando ho visto il suo fragile corpo cadere esausto per un mini ictus nell'ultima udienza a causa dello stress cronico.
Molte persone sono rimaste traumatizzate nel vedere una superpotenza vendicativa che usa le sue risorse illimitate per intimidire e distruggere un individuo indifeso.
Voglio ringraziare tutti i cittadini onesti e solidali che protestano globalmente contro la brutale persecuzione politica subita da Julian.
Per favore continuate ad alzare la voce ai vostri politici fino a quando non sentirete solo questo.
La sua vita è nelle sue mani.

In foto: la madre di Julian Assange, Christine © Cancillería del Ecuador

ARTICOLI CORRELATI

Our Voice: ''Siamo l'ostacolo principale di chi vuole distruggere Julian Assange''

Roger Waters: ''Stanno assassinando Julian Assange''

Caso Assange: Londra firma l'estradizione in USA. La moglie denuncia: ''Vendetta politica''

Se vogliamo un mondo libero dobbiamo liberare Julian Assange!

Il cuore dell'UE grida: ''Free Assange now!''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy