Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"C'è tanta ostilità nei confronti di chi continua a cercare le verità sulle stragi, ma non solo". Lo dice il presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, a margine delle audizioni che si stanno svolgendo a Trapani. "Quando si istituì il pool in procura nazionale antimafia che doveva indagare sulla presenza dei soggetti estranei a Cosa Nostra - aggiunge - ricordo che ci fu uno scambio di sms tra il dottor Palamara e il dottor Sirignano (acquisiti nell'indagine della procura di Perugia), da cui si evinceva che non si voleva che il dottor Nino Di Matteo facesse parte di questo gruppo di lavoro. Questo deve aiutarci a capire che forse si è troppo sensibili, in chiave difensiva, a questi argomenti. A me piacerebbe - al contrario - che lo Stato promuovesse nell'ambito di un riscontro preciso e scientificamente fondato, tutte le attività di verifica, perché se a distanza di trent'anni, ancora oggi, siamo alla ricerca della verità, significa che il problema siamo noi”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Le chat con Palamara e gli articoli di ANTIMAFIADuemila, lettera a Giorgio Bongiovanni

Caso Palamara, quando a dare fastidio erano Di Matteo e il pool stragi

Palamara: ''De Raho deve mettere fuori Di Matteo dal pool stragi''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy