Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Oggi Falcone non potrebbe muovere un passo se non dietro autorizzazione del capo del suo ufficio, continuerebbe a essere sommerso di processetti". Sono state queste le parole dette all'Agi dal consigliere togato al Csm Sebastiano Ardita in merito allo stato dell'autonomia e all'indipendenza dei magistrati a trent'anni di distanza dalle stragi del 1992. Autonomia di cui, secondo Ardita, Falcone, oggi, ne avrebbe avuta molto poca: "Stavolta non per una scelta maliziosa e contestabile del capo del suo ufficio - e dunque da lui rifiutabile - ma sulla base di un principio sancito nelle nuove riforme, rispetto al quale se non si adeguasse verrebbe sottoposto ad azione disciplinare".
Secondo Ardita il ruolo dei magistrati "è in via di costante ridimensionamento, in misura direttamente proporzionale rispetto al tempo trascorso dalle stragi. Il che vuol dire che viene 'smaltita' la memoria delle condizioni che portarono a quella situazione di strapotere di Cosa nostra, che causarono gli attacchi del 1992. E viene sostituita con una memoria di comodo di un Falcone eroe silenzioso e amico di tutti. Mentre era invece un uomo solo, avversato da molti e tutt'altro che silenzioso, grazie a Dio".
In quel periodo Falcone era stato delegittimato e poi isolato. Inoltre aveva ricevuto diverse bocciature: il CSM a gennaio 1989 aveva eletto Antonino Meli al suo posto come nuovo dirigente dell'ufficio istruzione del tribunale di Palermo, era poi stato bocciato per la carica dii Alto Commissario per la lotta alla mafia, in seguito i sui colleghi non lo avevano votato neanche per la sua candidatura per Consiglio Superiore della Magistratura. Nel 1989 era stato nominato procuratore aggiunto di Palermo ma solo perché gli altri candidati avevano ritirato la candidatura.
Così era stato il percorso di Giovanni Falcone fino alla nomina agli Affari penali del ministero della Giustizia.
Un metodo rievocato all'indomani della scelta del nuovo procuratore nazionale antimafia, Giovanni Melillo, raggiunta dopo un forte dibattito sul nome di Nicola Gratteri, capo della procura di Catanzaro, che da anni sta conducendo una visione investigativa, sulla 'Ndrangheta e i suoi aspetti più deviati. Secondo Ardita, "si tratta di situazioni e uomini diversi. Rimane l'amarezza per la bocciatura di Gratteri che è oggi - tra coloro che svolgono funzioni giudiziarie - il magistrato italiano più conosciuto al mondo per l'impegno antimafia. Il suo essere antisistema - come lo era Falcone quando predicava che nel rapporto tra mafia e potere era l'origine di ogni male - certamente non gli è giovato. Il potere ha paura che si dica che la mafia esiste perché ha un rapporto con esso, e che finirebbe il giorno stesso in cui quel rapporto cessasse. Il potere ha dunque istintivamente - ma spero immotivatamente - paura delle intuizioni di Pio La Torre e di Falcone".

Fonte: Agi

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Strage di Capaci, Di Matteo: ''Sbagliato ridurla a vendetta dei mafiosi contro Falcone''
di Giorgio Bongiovanni

La guerra contro Giovanni Falcone: le bombe dei nemici e i veleni degli 'amici'

Matteo Messina Denaro, il boss di Cosa nostra l'ultimo latitante stragista
di Giorgio Bongiovanni

Cercate bene l'esplosivo destinato a Nino Di Matteo, troverete Matteo Messina Denaro
di Saverio Lodato

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy