Per l’ambasciatore russo in Vaticano "Bergoglio è un gradito e desiderato interlocutore"

"In qualsiasi situazione internazionale, il dialogo con il Papa è importante per Mosca. E il Pontefice è sempre un gradito e desiderato interlocutore". A dirlo è l’ambasciatore russo in Vaticano, Aleksandr Avdeev, che al cronista Sergey Startsev dell’agenzia di stampa Ria Novosti ha commentato quanto ha detto Papa Francesco al direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana circa la sua volontà di "andare a Mosca per incontrare Putin".

Una risposta a caldo, quella dell'ambasciatore, connotata da un'importante vena diplomatica. Nessun "niet" né un silenzio assordante da parte di Mosca, dunque, a differenza di quanto pronosticato da molti. Come ha ben sottolineato il giornalista del Corriere della Sera Fabrizio Caccia, "sembra piuttosto una base da cui partire".

Scettico, invece, è l’ambasciatore ucraino presso la Santa Sede, Andrii Yurash che al contrario ha detto: "Un messaggio significativo quello del Santo Padre. Peccato però che Putin sia sordo non solo alla nobile richiesta di Bergoglio ma anche alla voce della sua stessa coscienza. Coscienza? Ho citato qualcosa che non esiste...".

Per il pontefice fermare questa guerra resta il primo obiettivo da raggiungere. Da qui la volontà di andare a Mosca per incontrare il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin e convincerlo di porre fine all’invasione in Ucraina. Una scelta elogiata da alcuni e criticata da altri, ma al netto delle idee quella adottata da Bergoglio è una politica diplomatica con cui dimostra le sue abilità da capo di Stato, ragionando lucidamente, saggiamente e prudentemente. Non scoprendo mai il fianco a slogan o pregiudizi; bensì aprendo - lui sì - un fronte della pace mai concretizzatosi finora e rendendosi un reale interlocutore di pace senza doppi interessi.

Foto originale © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Guerra in Ucraina, Papa Francesco: ''Putin non si ferma, voglio incontrarlo’'

Papa Francesco si è bevuto il cervello?
di Saverio Lodato

I Mercanti della Morte. Le lobby delle armi superano i 2mila miliardi di dollari
di Giorgio Bongiovanni


Guerra in Ucraina, per la Pasqua Papa Francesco invoca ancora la Pace

Il grido del Papa alla Via Crucis, ''Signore disarma la mano del fratello contro il fratello''

Mussolini, Mario Draghi e Papa Francesco che preferirebbe il ventilatore

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy