Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Voglio fare un appello per Assange che rischia l'ergastolo e di morire in carcere. È l'uomo che ci ha consentito di sapere di alcuni orrori della guerra e credo che in questo contesto noi abbiamo bisogno di persone che ci rendono più liberi attraverso una libera informazione". Così Sigrfido Ranucci, conduttore della trasmissione di inchiesta Report, intervenuto lo scorso 25 aprile al programma radiofonico di Radio Radio condotto da Francesco Vergovich.
Il giornalista australiano rischia una pesantissima condanna per aver contribuito a diffondere documenti riservati su crimini di guerra commessi dalle forze americane in Iraq e Afghanistan. Su di lui pendono 17 capi d’accusa, da 10 anni di detenzione ciascuno, per un totale di 175 anni di prigione circa, per aver rivelato, tramite la piattaforma Wikileaks, segreti di Stato sulle cosiddette “guerre al terrore” USA in Medio Oriente mettendo a nudo i crimini contro l’umanità commessi dall’Occidente in Afghanistan, appunto, e Iraq.
Ed è proprio per ricordare il contributo apportato da Assange alla libertà di stampa e di informazione che Ranucci ha voluto lanciare questo appello, raccolto con molta partecipazione da Radio Radio. "La libertà di stampa e la libertà di informazione di cui ci vantiamo in occidente non è una maglietta che tu ti sfili la sera, la riponi in un cassetto e la indossi quando fa comodo - ha sottolineato il giornalista Rai -. Gli Stati Uniti sono stati un esempio per tutti noi in tanti momenti di libertà di stampa. È quella che è riuscita, attraverso la libertà di stampa, a buttare giù un presidente della Repubblica. Una nazione che ha avuto ammazzato un Kennedy. E non si può rinchiudere la libertà di stampa e l'informazione colpendo Assange per i motivi che sappiamo, aver divulgato dei documenti sensibili. Secondo me, in alcuni momenti ci sono dei valori che sono al di sopra anche delle leggi. E sono quelli per cui vale la pena combattere".
Un’analisi attenta con cui Sigfrido Ranucci ha invitato a discutere della misura di certe leggi. Quello che sta subendo Assange “è un fatto folle anche perché ne ha già passate, ha già fatto il suo ergastolo. Questa rischia di essere una persecuzione”, ha concluso.

ARTICOLI CORRELATI

Julian Assange, no alla estradizione negli Stati Uniti! Sit-in il 3 maggio a Reggio Emilia

I parlamentari italiani scrivono alla ministra Patel: ''Si blocchi estradizione Assange’'

Julian Assange: ok all'estradizione del giornalista negli Stati Uniti

Julian Assange, la sua estradizione è una moderna forma di esecuzione

VIDEO #aChair4Assange, il racconto di un'impresa impossibile

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy