Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il 28 aprile incontro alla Facoltà di Giurisprudenza

Il prossimo 28 aprile l’associazione studentesca ContrariaMente invita gli studenti e tutta la cittadinanza di Palermo a partecipare al seminario intitolato “Ergastolo ostativo, dal papello di Riina ad oggi: è davvero finita l’emergenza mafia?”, che si terrà alle 16.00 nell’Aula Magna della facoltà di giurisprudenza.
L’urgenza di riflettere su questo tema, soprattutto tra i giovani, è molto alto. Perché a 30 anni dalle stragi di Capaci e Via D’Amelio si sta smantellando la normativa antimafia ispirata e voluta da Falcone e Borsellino. E davanti ad una mafia sempre più radicata in ogni ambito della vita politica e sociale e dentro gli ambienti economici e finanziari, davanti a minacce di morte, preparazione di nuovi attentati e latitanze coperte da ambienti istituzionali, l’emergenza non è mai finita, anzi è ancora più forte rispetto al 1992.
La situazione desta preoccupazione e nasce un sospetto: che si stiano realizzando i punti del papello di Riina?
Sicuramente l’ergastolo ostativo creerà un pericolosissimo disincentivo alla collaborazione con la giustizia: unico vero deterrente contro la mafia e unico strumento per arrivare a scoprire la verità sui veri mandanti delle stragi del 1992-1993, i cui effetti si vedono ancora oggi.
Ne parleremo con il consigliere togato del CSM, Sebastiano Ardita, il presidente del Tribunale di Palermo, Antonio Balsamo, il giornalista Salvo Palazzolo e il professore costituzionalista Giuseppe Lauricella.

ARTICOLI CORRELATI

Riforma Cartabia, continua la propaganda dei mercenari del potere
di Giorgio Bongiovanni

Di Matteo: ''Riforma renderà il magistrato servente ai poteri dello Stato''

Riforma del Csm, Di Matteo: ''È il segnale di un vero e proprio regolamento di conti''
di Giorgio Bongiovanni

Nino Di Matteo: ''Fedeli fino alla morte alla Costituzione''
di Giorgio Bongiovanni

Riforma Csm: raggiunto l'accordo. Separazione delle carriere e 'pagelle' per le toghe

Il Csm ricevuto da Papa Francesco: ''Dovete combattere clientelismi e lotte di potere''
di Giorgio Bongiovanni

Al Csm la storica difesa di Di Matteo e Ardita contro la riforma del governo
di Giorgio Bongiovanni

Ergastolo ostativo, l'Antimafia ai legislatori: si escludano benefici per detenuti al 41bis

Ergastolo ostativo, approvata la legge ''inganno'' per i mafiosi

Al Dap un giudice contro il 41 bis? La ministra Cartabia ci pensa
di Giorgio Bongiovanni

Al 41-bis lettere senza censura, Ardita: ''Pericolo che partano ordini dal carcere''

Salvatore Borsellino: ''Abolizione ergastolo ostativo è resa dello Stato difronte alla mafia''

Balsamo: ''Su ergastolo ostativo posta in gioco è alta. Non sia demolita la norma''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy