Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'Europa servente d'accordo con Washington

Scavalcando le promesse fatte in campagna elettorale, il presidente americano Joe Biden ha accettato l'idea di giocarsi la carta del 'first nuclear strike' come deterrente all'uso di armi convenzionali, e non solo a quelle nucleari.
Lo riporta il Wall Street Journal, citando fonti dell'amministrazione americana, la quale aveva già pensato di mettere in campo le armi atomiche durante il periodo della guerra fredda, ma questa agghiacciante ipotesi era stata poi abolita, almeno fino ad oggi.
Durante la campagna presidenziale Biden aveva garantito che l'unico obiettivo dell'arsenale nucleare americano sarebbe stato quello di fare da deterrente a un attacco nucleare nemico. Messo sotto pressione dagli alleati, e desideroso di mantenere il ruolo di guida, Biden ha usato con molta attenzione le parole per spiegare che le armi nucleari potrebbero essere usate anche in "circostanze estreme" nel caso di uso da parte della Russia di armi convenzionali, biologiche, chimiche e di attacchi cyber. La notizia arriva proprio mentre Biden sta cercando di mantenere unito il fronte occidentale contro il presidente russo Vladimir Putin.
La decisione di Biden, in modo inquietante, ha raccolto i consensi dei leader europei, i quali sono convinti che le armi atomiche dovrebbero essere usate per prevenire un potenziale attacco convenzionale da parte della Russia.
Tale scenario, se si dovesse verificare, porterebbe all’annientamento gli Stati Europei e non solo. Infatti se gli Usa dovessero attaccare la Russia lancerebbe a sua volta le sue testate atomiche, dando il via ad un conflitto mondiale nucleare.

Rielaborazione grafica by Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Papa Francesco si è bevuto il cervello?
di Saverio Lodato

Guerra Ucraina, Biden: la NATO risponderà se la Russia utilizzerà armi chimiche

L'Italia è in guerra
di Giorgio Bongiovanni

Lettera aperta al Presidente Putin
di Vauro Senesi

La guerra in Ucraina, la mafia russa e l'inefficienza dell'Occidente
di Giorgio Bongiovanni

Crisi Ucraina, con le armi vincono solo i mercanti della morte
di Giorgio Bongiovanni

Atomica e Terza Guerra Mondiale, le analisi di Giulietto erano vere e tuonano come non mai
Giorgio Bongiovanni intervista Giulietto Chiesa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy