Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Questa è la verità che è stata ricordata da Gratteri perché in occasione di altri recenti conflitti, nei Balcani, in Kosovo e così via, si è poi verificato, con evidenze giudiziariamente acquisite, che tante armi a disposizione, soprattutto della ‘Ndrangheta, ma non solo, provenissero da quegli scenari lì. Il traffico di armi è uno dei più sostanziosi per alimentare le casse dei sodalizi, le armi servono". Lo afferma all'Adnkronos il presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, sul rischio che armi ed esplosivi, arrivati in Ucraina, possano in qualche modo finire nel circuito della grande criminalità organizzata. Tema sul quale è intervenuto anche il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri. La Commissione Antimafia al momento non sta seguendo dei filoni specifici legati al conflitto in Ucraina: "Ci auguriamo, come ovvio, che possa cessare al più presto e siamo convinti che debba essere la diplomazia a intervenire", ha concluso Morra.

Fonte: Adnkronos

Foto © Davide de Bari

ARTICOLI CORRELATI

Ucraina, Gratteri: ''Mafie dopo la guerra potranno comprare armi nuove al mercato nero''

La guerra in Ucraina, la mafia russa e l'inefficienza dell'Occidente
di Giorgio Bongiovanni

Crisi Ucraina, con le armi vincono solo i mercanti della morte
di Giorgio Bongiovanni

La guerra tra Russia e Ucraina e l'ipocrisia dell'occidente
di Giovanni Bongiovanni

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy