Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La denuncia è stata presentata dal ministro dell'Interno paraguaiano, Arnaldo Giuzzo, a titolo personale, davanti alla Segreteria per la Prevenzione del riciclaggio di denaro sporco o beni (SEPRELAD)

Il ministro dell'Interno, Arnaldo Giuzzio, del governo paraguaiano di Mario Abdo Benítez, ha presentato questa mattina davanti alla Seprelad (Segreteria per la Prevenzione del riciclaggio di denaro sporco o beni) una denuncia a titolo privato contro l'ex presidente Horacio Manuel Cartes Jara per riciclaggio di denaro sporco, arricchimento illecito e falsa dichiarazione.
E’ interessante notare che Giuzzio non ha presentato la sua denuncia al Pubblico Ministero, come tutti speravano, bensì alla Seprelad, con una lettera che ha depositato privatamente, e non come ministro dell'interno, rappresentante del Potere Esecutivo. Si tratta di un’ampia denuncia di circa 30 pagine, che riguarda essenzialmente, reati punibili legati al riciclaggio di denaro sporco proveniente dal contrabbando, arricchimento illecito e falsa dichiarazione.

Il ministro Giuzzio, nel programma “A la gran 730” di ABC Color, interpellato sul motivo per cui la denuncia è stata presentata alla Seprelad e non alla Procura Generale dello Stato, il più alto funzionario del governo ha risposto nei seguenti termini: "Seprelad è l'organo amministrativo, sebbene dipenda dall’Esecutivo, dove le indagini di questo tipo possono avere più facilmente accesso all’intero sistema finanziario, tanto a livello nazionale quanto internazionale. Ma questo non esclude che una volta raccolta tutta l'informazione oggetto della denuncia, la stessa Seprelad si rivolga al Pubblico Ministero. Quello che stiamo facendo è quasi facilitare il lavoro alla procura, poiché la Seprelad ha le competenze per investigare, ha intelligence finanziaria sufficiente, per ottenere più rapidamente le informazioni. Quello che ci interessa è l'immediatezza, la rapidità, che in generale a livello internazionale richiede il suo tempo”.

Il ministro dell'Interno Arnaldo Giuzzio ha ricordato che l'emblematica condanna di Ramón González Daher, a 15 anni di reclusione – non ancora definitiva - per riciclaggio di denaro sporco, arricchimento illecito e falsa dichiarazione, ha avuto come base un report della Seprelad.


giuzzo arnaldo twitter personal

Il ministro dell'Interno, Arnaldo Giuzzio


Dalla denuncia presentata, emerge che ci sono forti indizi di riciclaggio di denaro sporco legati a un fatto precedente, contrabbando, da parte di Cartes.   
Rispetto all’arricchimento illecito, Giuzzio ha rilevato che, durante il controllo della situazione patrimoniale di Cartes, è stata riscontrata una crescita patrimoniale eccessiva tra il 2013 e il 2018, periodo nel quale ricopriva la carica di presidente della Repubblica.
È stata rilevata una somma di 300 milioni di dollari che al cambio dell'epoca corrisponderebbero a circa 2 miliardi di guaranì, ha segnalato.  

Ha fatto anche riferimento a una dichiarazione falsa, tenendo conto che l'ex presidente ha apportato diverse rettifiche alle sue dichiarazioni giurate dinnanzi alla Corte dei Conti Generale della Repubblica.
Ha ricordato che ci sono società vincolate a Cartes come Tabacalera del Este (Tabesa), che sono oggetto di indagine a livello internazionale, in paesi come Colombia e Brasile, senza escludere il Messico.
Al momento, come si dice popolarmente "la palla" è in mano alla Seprelad. Vedremo nei prossimi giorni e mesi come si svilupperà questa indagine, che colpisce uno degli uomini più potenti del Paraguay: l'uomo d’affari ed ex presidente Horacio Cartes. Questa indagine sarà una prova di fuoco per le istituzioni paraguaiane, come la Seprelad, il Pubblico Ministero, la Corte dei Conti, ecc., tenendo conto "della fama negativa della debolezza dello stato paraguaiano a livello internazionale" nell’affrontare seriamente la lotta al crimine organizzato e alle mafie.

Riveliamo uno degli stralci della voluminosa denuncia del ministro Giuzzio da dove si deduce la gravità dei fatti che, certamente, ora saranno valutati dalle autorità competenti e, a tempo debito, dalla giustizia penale, una volta che la Seprelead procederà con delle azioni rigorose, come di dovere, in questo tipo di situazioni.
"Attualmente, il Gruppo Cartes sta emettendo costantemente dei Buoni, per citare le recenti operazioni: Emissioni di Buoni di CECOM, Emissioni di Buoni di ENEX, Ricezione di dollari di Basa; essendo già ad oggi tale attività la principale fonte di reddito del gruppo; operando anche con altre società di intermediazione. / Di fronte a questa nuova situazione, non possiamo fare altro che domandarci se non si tratti dell'evoluzione dello stesso sistema di occultare i veri finanziatori o destinatari finali, attraverso terzi, per continuare a investire denaro di dubbiosa provenienza nel Sistema Finanziario / Tutte queste fonti, sommate ai fatti descritti nella presente denuncia, ci danno un contesto dove molti dei fatti legati tra loro trovano spiegazione da sé, e le inconsistenze patrimoniali cominciano a prendere senso".

Foto © Imagoeconomica/Twitter

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy