Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Va in pensione Ignazio De Francisci (in foto), procuratore generale di Bologna. In magistratura dal 1977, ha fatto parte dello storico pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e poi della Dda di Palermo. A Bologna da cinque anni e mezzo, ha firmato l'avocazione delle indagini sulla Strage del 2 agosto 1980 che hanno portato alla nuova inchiesta sui mandanti dell'attentato e al processo attualmente in corso a Paolo Bellini, accusato di essere un altro esecutore materiale. "E' stato un atto opportuno, non facile e finora non si è dimostrata una scelta sballata, abbiamo avuto un minimo di soddisfazione: non siamo andati alla ricerca di fantasmi e di teoremi", ha detto De Francisci, salutando i giornalisti. Tra le soddisfazioni del suo mandato, "c'è quella, attribuibile a tutto il mio ufficio, di aver fatto comprimere i tempi in appello per i reati sessuali. Abbiamo chiesto alla Corte di accelerare i tempi. Per me bisogna fare delle scelte e i reati che riguardano la violenza sulle donne devono essere al primo posto, insieme a quelli di mafia". De Francisci lascia un ufficio dimezzato: oltre a lui va in pensione anche l'avvocato generale, Alberto Candi e i sostituti da 11 in organico resteranno 5, guidati dalla procuratrice generale reggente Lucia Musti. "Mi auguro - ha detto De Francisci - che chi ha la competenza per provvedere provveda. Non può rimanere scoperta una sede come Bologna, che ha la competenza su tutta l'Emilia-Romagna, insieme alla Lombardia cuore pulsante d'Italia". Con così poco organico "si rischia, nei prossimi mesi, che non ci siano abbastanza sostituti pg da mandare alle udienze".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy