Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Una provocazione? Forse. O anche qualcosa di più in un'escalation di tensioni tra Stati Uniti e Cina che, di fatto, da tempo si lanciano messaggi tutt'altro che amichevoli. 
Adesso, secondo quanto riportato dal sito web Us Naval Institute, l'esercito cinese userebbe dei modelli e riproduzioni di portaerei degli Stati Uniti d'America come obiettivi nelle esercitazioni svolte in una zona remota del deserto occidentale. Dalle immagini satellitari, è scritto nel sito, emerge che l'Esercito popolare di liberazione (Pla), si starebbe concentrando sugli attacchi e la "neutralizzazione" di uno dei mezzi chiave del potere americano: nel deserto del Taklamakan, nello Xinjiang, sono state riprodotti una portaerei e due cacciatorpedinieri missilistici guidati, classe Arleigh Burke. Entrambi sono in dotazione alla Settima flotta Usa nel Pacifico occidentale, comprese le acque intorno a Taiwan.

ARTICOLI CORRELATI

Taiwan: è braccio di ferro tra Stati Uniti e Cina. Sale la tensione tra le due potenze

La Cina avverte: ''Pronti a contrattacco se sovranità a rischio''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy