Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il co-fondatore dei Pink Floyd, Roger Waters, ha fatto ancora una volta sentire la sua voce. Questa volta lo ha fatto attraverso un'intervista pubblicata sul Fatto Quotidiano in collaborazione con Progressive International, l’organizzazione internazionale che punta a mobilitare forze e movimenti progressisti di tutto il mondo. Irriverente e crudo, soprattutto nei confronti del potere, Waters intervistato dalla giornalista Stefania Maurizi ha raccontato come fin dal 2010 abbia integrato alcune delle rivelazioni esplosive di WikiLeaks nel suo tour musicale ‘The Wall’, come ad esempio il video Collateral Murder, in cui si vede un elicottero americano Apache sparare su civili inermi a Baghdad, mentre l’equipaggio ride.
E’ interessante notare - ha detto Waters - che quando il video è stato pubblicato stavo per iniziare un tour mondiale di The Wall - ho iniziato il 14 ottobre a Toronto, in Canada - e a quel punto ho inserito il video Collateral Murder nello spettacolo. E così lo facemmo in ogni singolo spettacolo, per tre anni. Abbiamo portato la guerra in tutto il mondo. Ho commesso lo stesso crimine di cui è accusato Julian Assange - ha continuato - Che non è affatto un crimine. Ma io sono come lui, pubblicando quel documento in pubblico, davanti alla gente. E non è un crimine. Eppure lui è stato rinchiuso per tutti quegli anni nell’ambasciata ecuadoriana a Londra. E dopo si è fatto quanto? Tre anni a Belmarsh? Quindi e ovviamente, questo resta, qualunque cosa gli accada”.
Oggi il fondatore di WikiLeaks rimane rinchiuso nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh, a Londra, in attesa che la giustizia britannica decida se verrà estradato negli Stati Uniti, dove rischia 175 anni di prigione nel carcere più estremo: l’ADX Florence, in Colorado, dove si trovano criminali del calibro de El Chapo. Le sue condizioni fisiche e mentali sono così serie che in primo grado il giudice inglese Vanessa Baraitser ha negato l’estradizione per il rischio che, una volta trasferito nelle prigioni americane, Julian Assange commetta un suicidio. Proprio la settimana scorsa nella capitale inglese si è tenuto il processo di appello, ma la sentenza richiederà settimane.
Dunque, Assange - ha detto il co-fondatore dei Pink Floyd - è stato estremamente importante perché aveva avuto l’idea di utilizzare la tecnologia contemporanea per dare a tutti noi la possibilità di essere il quarto potere perché un mondo libero senza una stampa libera non esiste”. "Prima di quello che noi chiamiamo illuminismo, quando la gente ha iniziato a scrivere su questa merda del potere, non c’era alcuno scontro, era completamente assodato che il sovrano aveva il potere conferito a Dio. E la storia finiva lì. Voi altri siete servi della gleba e lavorate fino alla morte. Questo è tutto. Ma non si può discutere con il Re: il Re ha l’immunità e può fare quel che cazzo vuole. E quello che pensi tu è sbagliato". Ma ora, in questo momento storico secondo Waters abbiamo la possibilità di dire ‘no’ e di fare "un piccolo passo avanti".
Ma com'è possibile che molte persone credano ancora a quello che il potere gli racconta?
I grandi Re del nostro tempo, "hanno capito quanto sia importante la propaganda in tutto questo" ha detto Waters specificando che "i tedeschi sono stati molto bravi a spiegarlo a tutti. Himmler e Goebbels lo hanno detto entrambi in diverse occasioni che la propaganda è lo strumento più importante per fare la guerra a tutti coloro che si vogliono controllare. E questo si è dimostrato sempre più vero col passare degli anni. Noi viviamo negli Stati Uniti d’America dove un’enorme percentuale di persone è totalmente sopraffatta dalla propaganda” la quale è “enormemente efficace ed enormemente potente. Ed è questo il motivo per cui la farsa del potere può continuare. Dunque io vivo in un Paese dove cercano di far credere alla gente che va bene che i dollari delle tasse continuino a essere riversati nelle tasche dei ricchi, con il pretesto che bisogna fare la guerra alla Cina”. E poi ancora: "Perché il popolo americano si beve queste strozzate? Questa è una domanda da centomila dollari. Lo sappiamo, perché la macchina della propaganda è molto potente. E nella Tv americana mainstream o su un giornale americano non viene ammessa una sola parola di verità. Neanche una. Tutto è sotto controllo. Dov’era la stampa mainstream mentre il fratello e compagno Julian Assange, un giornalista come loro, viene assassinato? Si, assassinato. Perché è un tentato omicidio quello che stanno facendo di Julian Assange. Dove sono? Se ne stanno nascosti sotto il letto con la bocca cucita? Che codardi, è disgustoso. Ed è una cosa endemica”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Rielaborazione grafica by Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Roger Waters sul fronte per Assange: ''Vogliono ucciderlo perché ha detto la verità’’

Roger Waters augura buon compleanno a Julian Assange che compie 50 anni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy