Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Undici uomini, tra cui sei adolescenti, sono stati trovati morti in uno Stato del Messico occidentale. Secondo alcune indiscrezioni, così come riportato dalle agenzie, sarebbero vittime di un potente cartello della droga. I corpi degli undici uomini, tra i 15 e i 36 anni, sono stati ritrovati in una zona rurale dello stato di Michoacan poco prima della mezzanotte, nel bel mezzo della Festa dei Morti di Ognissanti, una delle più sentite in Messico. La carneficina, hanno riferito diversi media messicani, sarebbe avvenuta a colpi di arma da fuoco.
Per quanto riguarda i minorenni, una vittima aveva 15 anni e altre cinque 17, ha fatto sapere la procura dopo aver identificato le vittime e riconsegnato i loro corpi alle famiglie. Altre tre vittime avevano 19 anni, 31 e 36 le due più anziane.
Lo scorso anno in Messico sono stati registrati più di 36.000 omicidi e il Michoacan è uno dei 32 Stati del Messico più colpiti dalla violenza della criminalità organizzata.
A tutti gli effetti si tratta di una roccaforte del potente cartello Jalisco Nueva Generacion (CJNG), guidato da Nemesio Oseguera Cervantes "El Mencho", rivale del cartello di Sinaloa del più famigerato "narco" del Messico, Joaquin "El Chapo" Guzman, che sta scontando una condanna a vita negli Stati Uniti. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nel marzo 2020, il CJNG "è uno dei produttori di metanfetamina più prolifici del mondo". Su "El Mencho", attualmente, gli Stati Uniti hanno offerto 10 milioni di dollari per informazioni che possano portare all'arresto.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy