Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Storie di mafia, di beni confiscati e di ragazzi senza paura

“Guarda che ho preso il numero di targa. Attento che ti vengo a trovare a casa!”. Questa è stata l’urlata finale di Mario Michele Lanzarotti dopo una mattinata passata a minacciare reporter, cameramen, ragazzi dei Siciliani giovani, dell’Arci e di Fanpage, tutti quanti - secondo lui - “comunisti accattoni” che gli avevano invaso il territorio.
Il terreno, un prato con piscina ad Acireale, veramente non era più suo da un bel po’, visto che la confisca giudiziaria (reati contro il patrimonio, associazione a delinquere di tipo mafioso, associazione a delinquere semplice, ecc.) era scattata già da diversi anni.
Il mese scorso gli attivisti dei Siciliani giovani e dell’Arci (“Le scarpe dell’antimafia”), in giro per la Sicilia per controllare i terreni mafiosi, avevano verificato la presenza sul posto dei vecchi proprietari, alla faccia dello Stato. E a questo punto lo Stato, risvegliatosi all’improvviso, aveva mandato i carabinieri.
Ma il Lanza, sconfitto ma non domato, ricorre al più moderno strumento politico italiano: la Ruspa.
Così, quando i ragazzi tornano a controllare, ti trovano operai con la ruspa che demoliscono alberi, piscina e pavimento per non lasciar nulla di utilizzabile allo Stato: terra bruciata, come i russi con Napoleone e Annibale coi romani.
Purtroppo la presenza degli attivisti ha rovinato la strategia. A questo punto il Lanzarotti – che aveva cercato di nascondersi fra gli operai “Io Lanzarotti? No, sono suo cugino!” - ha perso la trebisonda e s’è messo a sbraitare minacce che in bocca a un altro magari farebbero anche sorridere ma in bocca a una fedina penale come quella del nostro amico fanno un effetto, come dire, poco allegro.
E questo è quanto. Benvenuti in Italia, il paese con la mafia più tollerata del mondo, ma anche con l’antimafia più testadura, come s’è visto in tante città e paesi della Sicilia in questi mesi. “Le scarpe dell’antimafia” camminano più di prima.

Venerdì, 15 ottobre alle ore 11,00 conferenza stampa presso il bene confiscato ad Acireale, frazione di Pennisi, via Barbagallo 2

Per partecipare: clicca qui!

Sono invitati i colleghi giornalisti e le associazioni del territorio.

Le scarpe dell'antimafia/Arci/I siciliani giovani.
www.isiciliani.it

Per informazioni: 3451027076

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy