Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In quale paese al mondo un premier telefonerebbe ad un condannato in via definitiva per frode fiscale (neppure per evasione, frode fiscale) per parlare della riforma del fisco? Ovviamente nel nostro, nel paese alla rovescia, nel Draghistan dove tutto quel che è osceno viene fatto senza batter ciglio. Questa mattina Draghi ha telefonato a Berlusconi e hanno colloquiato cordialmente sul fisco.
A questo punto la Cartabia si coordini con Dell'Utri sulla lotta alla mafia e il ministro delle infrastrutture convochi i Benetton per chiedere suggerimenti sulla gestione dei ponti.
Il dramma sapete qual è? L'indifferenza. Un popolo di indifferenti è un fantastico alleato per questa gente. L'impunità non gli verrebbe garantita se non vi fosse disinteresse. La libertà di compiere azioni deprecabili non ci sarebbe in presenza di un'opposizione (la Meloni non fa opposizione, è alleata di Berlusconi e ha appena detto che voterebbe Draghi Presidente della Repubblica). 
Io mi auguro che i cittadini italiani (quanto meno una buona parte di essi) tornino ad indignarsi, a considerare la legalità un caposaldo, a difendere con le unghie e con i denti il denaro pubblico. Ovvero quel che politicanti, mediocri banchieri e frodatori del fisco hanno sprecato inesorabilmente!

Tratto da: facebook.com
 
Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy