Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Esiste, lo sappiamo, una verità giudiziaria che va sempre e comunque rispettata, se crediamo ancora nella legge, per quanto la si possa criticare purché lo si faccia argomentando razionalmente. Poi esiste la verità dei fatti, la verità che non dipende dai codici di procedura penale o civile, e che si conquista scavando fino in fondo, anche nel torbido”. Così Nicola Morra, presidente della commissione parlamentare Antimafia, scrive su Facebook un commento a caldo in merito alla sentenza del processo Trattativa Stato-mafia emessa ieri pomeriggio dalla Corte d’Assise d’Appello di Palermo.
Ma al di là di ogni sentenza, “le responsabilità giudiziarie, ci è stato insegnato anche da un famoso articolo di Pier Paolo Pasolini del 1974, non sempre corrispondono a quelle morali. Per Verità e Giustizia - si legge - c’è ancora molto da lavorare.
Lo dobbiamo a chi ha creduto nello Stato e ha sacrificato se stesso e la sua vita, lo dobbiamo a chi non ha più un marito, un padre, una sorella.
Ora c'è da attendere le motivazioni con cui la Corte d’Appello di Palermo ha ribaltato la sentenza di I grado nel processo sulla Trattativa Stato-mafia e su quelle si ragionerà
”.

Foto © Davide de Bari

ARTICOLI CORRELATI

Processo trattativa, le condanne sono solo per i ''soliti'' mafiosi

Con chi trattarono i boss? Con i fantasmi?

Piera Aiello: sentenza Stato-mafia è ''vergognosa''

Sentenza trattativa, Gozzo: ''Trattativa e minaccia a Stato ci sono state''

Processo trattativa, sentenza ribaltata

Stato-mafia, Salvatore Borsellino: ''Sentenza di ieri? In Italia non c'è giustizia''

Processo trattativa, sentenza ribaltata

Sentenza Trattativa Stato-mafia, parla Ingroia: ''I mafiosi vengono condannati e gli uomini dello Stato vengono assolti''

Trattativa Stato-mafia, la Corte d'Assise d'Appello in camera di consiglio

Da Mori a Dell'Utri, al processo trattativa chiesta la conferma delle condanne

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy