Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“Mio fratello morto ucciso perché si è opposto alla trattativa. Oggi quella trattativa riconosciuta come normale”

È l'ipotesi peggiore che potessi immaginare. Aspetto di leggere le motivazioni, tuttavia la sentenza, con la condanna di Bagarella e Cinà, conferma che la trattativa c'è stata, l'assoluzione di Mori e De Donno vuol dire che quella trattativa non costituisce reato. È l'ipotesi peggiore che potessi immaginare perché sull'altare di quella trattativa è stata sacrificata la vita di Paolo Borsellino. Questo significa che mio fratello è morto per niente". Sono le parole che ieri Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo Borsellino ucciso nella strage di via d’Amelio assieme a 5 agenti della scorta, ha rilasciato ai microfoni dell'Adnkronos per commentare la sentenza del processo d’appello sulla trattativa Stato-mafia.  Si definisce “molto amareggiato”. Come poterlo biasimare.

Bagarella e Cinà non possono aver fatto la trattativa da soli - ha aggiunto -. Con le altre assoluzioni si afferma che il fatto che lo Stato tratti con l'anti-Stato non è reato e questo vuol dire che mio fratello è stato sacrificato per nulla. Si ammette che sull'altare di una trattativa, che io continuo a definire scellerata, è stata sacrificata la vita di un servitore dello Stato come Paolo Borsellino, che è stato ucciso perché si è opposto a questa trattativa. Questa sentenza vuol dire che in Italia non c'è giustizia”.

Più che un colpo di spugna - ha commentato stamane Salvatore Borsellino all’AGI l’esito della sentenza di ieri - è la degna conclusione della trattativa. Si rispettano i patti, tutto viene occultato ma questa è anche la fine di tutto. Sinceramente per me e per tutti i familiari di vittime di mafia è una sentenza pesante, vuol dire che mio fratello è morto per niente”.

Paolo Borsellino, conclude suo fratello all’AGI, “è stato ucciso perché si è opposto alla trattativa e oggi questa trattativa viene riconosciuta come normale, ed è una cosa che mi amareggia profondamente. Vuol dire che la vita di mio fratello e dei ragazzi della scorta che sono morti assieme a lui è stata sacrificata sull'altare di una ragione di Stato. Ed è una cosa terribile perché con i criminali non si può e non si deve trattare".
(24 Settembre 2021)

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Processo trattativa, le condanne sono solo per i ''soliti'' mafiosi
Con chi trattarono i boss? Con i fantasmi?

Processo trattativa, sentenza ribaltata

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy