Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il neo collaboratore Antonio Cataldo - l’ultimo pentito di 'Ndrangheta - ha parlato dell’odio degli 'ndranghetisti verso Nicola Gratteri.
Ha raccontato che nel 2013 un altro detenuto di Locri, gli aveva "raccontato del progetto per compiere un attentato al figlio di Nicola Gratteri che in quel momento era stato proposto come ministro della Giustizia".
C’era un allarme in generale… delle persone detenute... loro temevano delle… dei processi... e leggi più ferree", ha detto, aggiungendo poi inquietanti particolari sulle modalità con le quali doveva essere commesso il delitto: "Specifico che non volevano spararlo ma che lo avrebbero investito con una macchina".
Qualche tempo dopo il 2013, quando ero procuratore aggiunto a Messina, Nicola venne a denunciare una brutta intimidazione ai danni di suo figlio che somigliava ad un sopralluogo preattentato. La foto che pubblico risale proprio a quel giorno in cui venne a Messina ed è l’occasione per esprimere a Nicola Gratteri ed alla sua splendida famiglia la più grande forte e affettuosa solidarietà.

Foto originale © Jacopo Bonfili

ARTICOLI CORRELATI

Si pente esponente clan della Locride: ''Volevano uccidere il figlio di Gratteri''


La mafia vuole uccidere Gratteri: rafforzata la scorta

Subdola ignoranza con Gratteri al centro del mirino

La società civile si schiera: ''Siamo tutti con Gratteri''

Gratteri denuncia fughe di notizie: ''I boss sapevano, blitz anticipato di 24 ore''

Operazione ''Rinascita-Scott'': relazione diretta tra 'Ndrangheta e massoneria

Appello di Gratteri: ''Politica abbia la dignità di non prostituirsi alla 'Ndrangheta''

Nessuno tocchi Nicola Gratteri, il gioco è troppo sporco. E si vede - di Saverio Lodato

Il dovere della memoria: i pm scomodi alla mafia invisibile

Csm: Area chiede di aprire pratica a tutela su parole pg Lupacchini

Csm: il consigliere Gigliotti chiede pratica tutela Gratteri dopo attacchi Bossio

Gratteri a La7: ''Oggi i politici cercano la 'Ndrangheta per i voti''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy