Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In tanti piangiamo la scomparsa di Gino Strada, un grande medico, un grande uomo. Io ho conosciuto Gino Strada, un uomo di grande energia, grande energia positiva e contagiosa. E quando conoscevi Gino Strada e lo ascoltavi anche solo per pochi minuti non potevi che restare rapito dalla sua passione umana e civile, dall’esternazione e messa in pratica dei suoi sentimenti generosi e delle sue idee di solidarietà sociale e politica. È stato il leader spirituale di una parte importante della società italiana, quella che non si è rassegnata al primato degli affarismi e degli egoismi sociali. E per me è stato un grande orgoglio quando nel 2013 dichiarò pubblicamente che avrebbe appoggiato la mia avventura politica con Rivoluzione Civile, seppure dall’esterno e senza impegno politico diretto, perché condivideva il programma politico dell’unica forza politica che a quelle elezioni apertamente si dichiarava pacifista e perciò rivendicava l’applicazione dell’art.11 della Costituzione che ripudia la guerra.
Le sue battaglie sono state le mie battaglie e con me di tantissimi italiani. Non solo per il suo impegno per la pace e la solidarietà. Ma anche e soprattutto la battaglia per restituire a tutti una sanità pubblica, secondo i principi costituzionali. Perciò oggi, siamo in tanti a piangere la scomparsa perché oggi ci sentiamo più poveri e più soli. Ma, nel contempo, sappiamo di essere più forti, perché sono tante donne e uomini, italiani e non, che sulla base della testimonianza di vita e del patrimonio di idee e di ideali di Gino Strada possono oggi battersi vincenti contro quel sistema delle lobby degli affari che si è impadronita delle nostre vite e dei nostri destini, e così ha distrutto la sanità pubblica macchiandosi le mani di sangue innocente negli ultimi anni, fino alla strage degli innocenti durante la recente pandemia. Per questo, mi sento di dire un grande grazie a Gino Strada, perché ci ha tracciato un percorso che, anche a nome del Movimento politico che mi onoro di presiedere, Azione Civile - Popolo per la Costituzione, noi seguiremo, certi che condurrà ad un mondo migliore, più sano e più giusto.
GRAZIE GINO!

Tratto da: facebook.com/avvocatoantonioingroia

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ciao Gino, maestro di Umanità in difesa degli ultimi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy