Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La testimone è stata sentita in forma 'protetta' con un paravento

"Sembra mio marito, è Paolo perché ha questa fossetta. Aveva i capelli più indietro ma comunque è lui. E' riconoscibile, da parte mia, molto la parte inferiore del viso": con queste parole pronunciate davanti alla Corte d'Assise di Bologna, Maurizia Bonini, conferma il riconoscimento dell'ex marito, Paolo Bellini, in un filmato amatoriale girato da un turista straniero alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980. Bellini, ex esponente di Avanguardia Nazionale, è accusato di concorso nella Strage di Bologna nel nuovo processo in corso sull'attentato terroristico più sanguinario del Dopoguerra.
L'imputato prima che la ex moglie, sentita come teste questa mattina, entrasse in aula si è allontanato. "Io esco dall'aula così non ci sono problemi. Esco tranquillamente però i miei legali hanno il diritto di poter vedere", ha detto. La testimone è stata sentita in forma 'protetta' con un paravento che impediva ai presenti di poterla vedere. "Ha detto una bugia. Ha ingannato tutti, io per prima sono rimasta ingannata. Avevo 25 anni e non potevo immaginare che fosse lì, in quella situazione", ha detto l'ex moglie di Bellini parlando della sua presunta presenza in stazione la mattina della Strage.

In foto: la testimonianza di Maurizia Boni riparata da un paravento. In primo piano, il filmato del 2 agosto 80

ARTICOLI CORRELATI

Le mille vite di Bellini: terrorista, killer di 'Ndrangheta e trafficante

Strage di Bologna: Paolo Bellini rinviato a giudizio

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy