Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sono forti le critiche mosse dal procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri riportate dalla testata giornalistica olandese RTL Nieuws in merito all'agguato a danno del noto giornalista di inchiesta Peter R. de Vries la cui vita in questi giorni è appesa ad un filo.
"I Paesi Bassi sottovalutano la mafia" ha detto Gratteri sottolineando che il problema della violenza e della droga nei Paesi Bassi sono visti come incidenti isolati e non come un problema sistematico.
E quel problema, ha detto Gratteri, "non se ne andrà" poiché "non solo i Paesi Bassi sono logisticamente interessanti per la criminalità organizzata - con porti di transito come Rotterdam e Amsterdam nel traffico di cocaina - ma c'è anche molto riciclaggio attraverso l'apertura di ristoranti e hotel. Anche il sistema olandese ne beneficia, motivo per cui è così difficile da fermare".
Inoltre il magistrato ha raccontato il caso di un narcotrafficante italiano detenuto nelle carceri olandesi, "ha chiamato sua moglie e ha detto che non voleva venire in Italia. Stava bene in cella, lì aveva tutto ciò di cui aveva bisogno". "I paesi europei non hanno idea di cosa sia realmente la mafia, della sua serietà, e di cosa sia capace" ha detto il procuratore ribadendo che occorrono "pene più pesanti, attrezzature migliori, normative più ampie e più manodopera" per combattere il crimine organizzato. Secondo Gratteri sono proprio queste "le lezioni italiane" da cui i Paesi Europei, tra cui i Paesi Bassi devono imparare.
Inoltre il magistrato ha precisato che il giornalista "avrebbe dovuto essere protetto" e che l'attentato alla sua vita rappresenta "una cosa molto seria" poiché riguarda direttamente la "libertà di pensiero, di espressione, di democrazia e di civiltà".
Infine il quotidiano olandese ha riportato anche alcune considerazioni del magistrato in merito alle sua esperienza maturata negli anni per quanto riguarda la lotta la crimine organizzato, "mi sento mentalmente libero" ha detto Gratteri "questa è la cosa più importante. Ho sacrificato la mia libertà fisica molto tempo fa, ma non c'è nessuno che mi faccia tacere".

Fonte: rtlnieuws.nl

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Peter Rudolf de Vries: il giornalismo investigativo olandese colpito a morte

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy