Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'ufficio misure di prevenzione del Tribunale di Firenze composto dal presidente Raffaele d'Isa e dai giudici Silvia Cipriani e Alessio Innocenti ha  ottenutto su richiesta dalla direzione investigativa antimafia - depositata il 30.12.2019 - la confisca di beni per un valore di oltre 10 milioni di euro a Francesco Rastelli - difeso di fiducia dagli avvocati Giuseppe Castelli e Andrea Ferrini del foro di Pistoia - un imprenditore di origini campane ma residente a Montecatini Terme (PT) ed operante nei settori immobiliare e turistico-alberghiero. Il provvedimento è stato eseguito grazie anche alla coordinazione della DDA di Firenze nelle personalità del procuratore aggiunto Luca Tescaroli e del sostituto procuratore Giulio Monferini il quale ha chiesto un anno e mezzo di condanna per l'imputato.
L'imprenditore, secondo quanto riportato nel decreto di confisca emesso dal tribunale, si era trasferito in Toscana negli anni novanta e dal 1997 ha spostato la sua residenza insieme a tutta la famiglia da Carmignano (PO) al comune di Montecatini Terme (PT), dove è ancora oggi residente. Il soggetto, sempre secondo gli atti, è gravato da plurime condanne irrevocabili, come riportate nel Certificato del Casellario, che danno conto della commissione di delitti di vario genere e gravità, tra cui molti contro il patrimonio, di consistente portata lucro-genetica. Inoltre è stato dagli inquirenti ritenuto legato agli ambienti camorristici napoletani ed in particolare al clan Formicola. Infatti come riportato nel documento l'uomo nella fattispecie è stato indicato come soggetto che vive abitualmente, o almeno in parte, con i proventi di attività delittuose (art. 4, comma 1, lett c e art. 1, lett. B, D.L.gs. n. 159/2011) e indiziato di reati aggravati ai sensi dell'art. 7 L. 203/91 (art 4 lett. B con riferimento all'art 51 co. 3bis cpp). C in quanto appartenente ad associazioni di cui all'art. 416 bis CP (art 4 lett. A e B del d.lgs. 159/2011).
La sua carriera criminale è iniziata nel lontano 1985 (all'età di soli 19 anni), con associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine nonché detenzione di armi, per poi proseguire nella prima metà degli anni novanta con truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche e falsità ideologica (1992), emissione di assegni senza provvista (1993), plurime ricettazioni nel 1992, altre ricettazioni continuate nel 1994 e quindi negli anni 2000/2002, nonché, violazioni di sigilli nel 2000 e delitti in materia edilizia commessi in vari anni (anche con costruzioni totalmente abusive di immobili di oltre 100 metri quadrati).
Inoltre Rastelli Francesco era già stato oggetto di diversi provvedimenti da parte dell'autorità giudiziaria come l'arresto per omicidio volontario, tentato omicidio, rapina, detenzione di armi da fuoco e altri reati legati al riciclaggio e contro la pubblica amministrazione.
La Dia ha ricostruito il profilo soggettivo ed analizzato gli aspetti patrimoniali dell'intero nucleo familiare accertando una rilevante sproporzione tra la ricchezza accumulata negli anni anche per interposta persona e quanto dichiarato al fisco. I beni oggetto del provvedimento di confisca sono ubicati nelle province di Firenze, Pistoia, Roma e Venezia e consistono in 4 società, 3 fabbricati, tra cui 2 alberghi, 7 automezzi e decine di rapporti finanziari, per un valore complessivamente stimato di oltre 10 milioni di euro.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy