Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Quando sarà il momento indicherò il mio successore"

Ci sarebbero gli Stati Uniti d'America dietro all'incidente diplomatico intercorso nel Mar Nero quando la Russia ha intercettato una nave da guerra britannica. A sostenerlo non uno qualunque, ma il presidente russo Vladimir Putin che senza mezzi termini ha definito quanto avvenuto una "provocazione".
La Russia ha affermato di aver sparato colpi di avvertimento il 23 giugno in direzione del cacciatorpediniere britannico HMS Defender per costringerlo a lasciare quelle che considera le sue acque territoriali, al largo della Crimea ucraina annessa nel 2014. Londra, che ha negato che questa barca fosse stata la oggetto del fuoco russo, e afferma da parte sua di aver effettuato un "passaggio innocuo nelle acque territoriali ucraine" e di aver quindi agito in maniera "completamente corretta". "È stata una provocazione", ha detto Vladimir Putin mercoledì durante la sua sessione televisiva annuale di domande e risposte con la popolazione russa. "Non solo gli inglesi, ma anche gli americani hanno preso parte", ha proseguito il presidente russo, assicurando che Mosca ha individuato il giorno dell'incidente un "aereo da ricognizione americano" nella zona. "Perché fare questo? Per dimostrare che non riconosci la Crimea? Non la riconosci, ma perché provocare?" ha aggiunto.
La Russia afferma di aver sparato colpi di avvertimento quel giorno da una nave pattuglia di frontiera e di aver effettuato un "bombardamento precauzionale lungo la rotta del cacciatorpediniere" utilizzando un aereo Su-24M. "Anche se avessimo affondato questa nave, sarebbe stato difficile immaginare che il mondo si sarebbe messo sulla strada della terza guerra mondiale", ha stimato Vladimir Putin. "Il mondo sa che non ne uscirebbe vittorioso da questa guerra", ha detto. Lo scontro russo-britannico nel Mar Nero è avvenuto pochi giorni prima delle manovre militari di Sea Breeze 2021 che hanno coinvolto, tra gli altri, Ucraina e Stati Uniti, manovra che preoccupano Mosca. I fatti al largo della Crimea, dove la Russia ha una grande base navale e le cui acque sono state teatro di incidenti in passato.
Nel suo intervento ha anche parlato dello sviluppo delle attività militari nel territorio della vicina Ucraina ammettendo che è fonte di profonda preoccupazione per la Russia.
"Sono preoccupato per una questione fondamentale, vale a dire, l'inizio dello sviluppo militare del territorio ucraino. Secondo la Costituzione dell'Ucraina, non ci possono essere basi militari straniere lì. Si possono creare centri di addestramento e usare altri strumenti. Ciò crea significativi problemi di sicurezza e riguarda gli interessi vitali della Federazione Russa e del popolo russo", ha affermato il Presidente russo.
Putin, intervenuto a la "Linea diretta" rispondendo alle domande dei cittadini, ha anche dichiarato che quando sarà il momento, darà indicazioni su un suo possibile successore. "Per quanto riguarda le persone o la persona che potranno guidare il Paese, la mia responsabilità sarà fornire raccomandazioni ai pretendenti alla poltrona presidenziale". "Arriverà il momento e spero che potrò affermare che questa o quella persona è degna di guidare questo meraviglioso Paese", ha aggiunto Putin, che lo scorso aprile ha promulgato la riforma costituzionale che gli consentirà di correre per le presidenziali anche nel 2024 e nel 2030, con la prospettiva di rimanere al vertice fino al 2036. A una domanda sulla possibilità di un passaggio di poteri come quello avvenuto tra Boris Eltsin e lui, il capo del Cremlino ha affermato che l'ex presidente "non gli passò questo potere" in quanto Putin fu eletto nel 2000 con il 52,9% dei voti dopo aver ricoperto il ruolo di primo ministro. Putin ha ricordato che quando Eltsin gli propose di correre alle elezioni lui gli rispose che "non si sentiva pronto". Ma ha anche aggiunto che "la decisione su chi dovrebbe guidare lo Stato russo alla fine spetta sempre ai cittadini, che esercitano questo diritto di scelta con l'aiuto del voto segreto diretto. Solo in questo modo è possibile".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Crisi Donbass, Putin non ci sta e avverte l'Occidente: ''Non varcate la linea rossa''

Putin: ''La Russia vuole costruire il suo partenariato con l'Europa''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy