Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Chiara Gualzetti, una ragazza 16enne è stata uccisa a coltellate e ritrovata morta a Monteveglio, nel Bolognese, a circa un chilometro dalla sua abitazione.
Nella notte è stato fermato un giovane - che ora è accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione e dal fatto che la vittima era minorenne. Risulta che avrebbe colpito più volte la ragazza con un coltello che aveva appositamente portato con se. Il ragazzo, interrogato nella notte, avrebbe dichiarato di 'aver agito sulla base di una spinta superiore, una sorta di voce superiore che gli ha detto di uccidere'. Quando sarà depositato il verbale capiremo bene ciò che ha detto. Ma queste parole hanno già indotto la Procura a valutare la necessità della perizia psichiatrica".
E' con queste parole che il consigliere togato del CSM Sebastiano Ardita ha commentato sulla sua pagina Facebook il femminicidio della giovanissima Chiara Gualzetti della cui scomparsa improvvisa sono state avvisate le Forze dell'Ordine la domenica pomeriggio dai genitori, ai quali ora, come ha scritto Ardita "non rimane altro che la rassegnazione".
Il cadavere di Chiara Gualzetti presentava ferite da arma da taglio al collo e sembra altre lesioni, come se qualcuno l’avesse picchiata. "Il processo dirà se il fermato è colpevole e se è sano di mente" ha osservato il magistrato, il quale ha poi precisato che "questo episodio già basta per mettere il dito sulla piaga di come il nostro paese affronta il grave problema dei disabili di mente che commettono gravi delitti di sangue.
Una legge qualche anno fa ha spazzato via gli OPG (Ospedali psichiatrici giudiziari) ossia le strutture detentive che erano dedicate a questi delicatissimi casi e che dopo anni erano riuscite a garantire sicurezza ed un adeguato trattamento sanitario.
Le ha sostituite con le REMS (Residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza), al cui interno non è prevista la presenza della polizia penitenziaria ma solo di personale medico".
Inoltre il consigliere togato ha poi scritto che "in questo momento la lista di attesa delle Rems ha superato le 800 persone per le quali non c’è posto. Ciò significa che gli interessati stanno o in carcere oppure fuori. Ma in ogni caso le Rems si sono dimostrate inadatte ad ospitare soggetti altamente pericolosi e malati di mente. Perché vi è rischio di evasione (e dunque di nuove vittime di atti violenti), di aggressione ai sanitari e di invivibilità per gli altri ricoverati. Rispetto ad una riforma frettolosa ancora non si vedono risposte chiare e correttivi adeguati".

ARTICOLI CORRELATI

Oggi come ieri, i femminicidi non si fermano. E dovremmo tutti riflettere


Reportage da vivere: ''Le conseguenze, i femminicidi e lo sguardo di chi resta''

Femminismo, Our Voice: ''Non una di meno! Ci vogliamo Vive e Libere!''

Le donne in grido contro stupri, violenze e femminicidi

Allarme femminicidi in Argentina: uno ogni 31 ore

Convenzione Istanbul contro violenza sulle donne tra normative inadeguate e aumento dei casi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy