Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il fascicolo di indagine vede indagati Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri

La Procura della Repubblica di Firenze (il Procuratore Capo Giuseppe Creazzo, il procuratore aggiunto Luca Tescaroli e il pm Luca Turco) ha interrogato nei giorni scorsi in gran segreto Giovanni Brusca - da poco tempo uscito dal carcere - nell'ambito dell'indagine sulle stragi del 1993 su Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri. A dare la notizia è stato il Fatto Quotidiano.
L'indagine verte sull'ipotesi che ci potrebbero essere stati degli incontri tra Berlusconi e Dell'Utri (i quali hanno da sempre negato tale circostanza e che fino ad ora non ha avuto riscontri probatori) con i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano.
Nello specifico il pm Tescaroli (titolare del fascicolo) avrebbe chiesto chiarimenti a Brusca in merito alla sua deposizione durante un'udienza del processo 'Ndrangheta Stragista, di cui titolare è il procuratore aggiunto di Reggio Calabria Giuseppe Lombardo coordinato dal procuratore capo Giovanni Bombardieri.
Durante il processo - già sbarcato in primo grado il 24 luglio 2020 con le condanne all'ergastolo per il boss di Cosa nostra Giuseppe Graviano per il boss di 'Ndrangheta Rocco Santo Filippone - nel 2019 è stato sentito come testimone l'ex killer di Capaci, il quale ha riferito di sapere "per certo che il contatto c'è stato perché nel 1995 me lo disse Matteo Messina Denaro - ha detto Brusca - Stavamo parlando di orologi quando ad un certo punto mi disse che Graviano ne aveva visto uno dal valore di cinquecento milioni al polso di Berlusconi. Quando è avvenuto questo incontro però non lo so dire". Il suo racconto è dunque un ‘de relato de relato’ e il collaboratore di giustizia ancora prima di raccontarlo davanti ai magistrati reggini lo aveva riferito anche alle procure di Roma e Palermo. Nella Capitale Brusca ha fatto riferimento all'episodio dell'orologio nel febbraio del 2019, quando è stato interrogato dalla Corte di Caltanissetta (al tempo trasferita a Roma) per sentire i collaboratori di giustizia nell'ambito del processo sul depistaggio delle indagini sulla strage del 1992 in via D’Amelio; e prima ancora a Palermo quando lo ha riferito al procuratore capo Francesco Lo Voi e all’aggiunto Marzia Sabella in un verbale del 16 ottobre 2018. Quel verbale è stato poi rivelato dal Fatto il 16 dicembre dello stesso anno. Nel 2018 inoltre Niccolò Ghedini, legale dell'ex cavaliere, ha dichiarato dopo la pubblicazione di questa notizia che: “Ancora una volta il Fatto Quotidiano su una notizia irrilevante e palesemente infondata costruisce addirittura la prima pagina e vari articoli, tutti chiaramente diffamatori, senza dar conto che tutte le numerosissime risultanze processuali e le plurime archiviazioni a favore del Presidente Berlusconi hanno dato evidenza della assoluta inconsistenza di qualsiasi ipotesi consimile”.
Per fare chiarezza Berlusconi e Dell’Utri sono già stati indagati in passato per le stragi e poi anche successivamente archiviati negli anni Novanta e Duemila. La nuova riapertura del fascicolo del 2017 da parte della Procura di Firenze si è resa necessaria in seguito alle intercettazioni in carcere del boss Giuseppe Graviano in cui faceva riferimento ad una "cortesia" che gli sarebbe stata chiesta.

In fotocomposizione: Giovanni Brusca, in un'intervista rilasciata recentemente, Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri

ARTICOLI CORRELATI

Da Scopelliti alle stragi, Brusca sentito al processo 'Ndrangheta stragista

Le parole di Brusca: ''Messina Denaro disse che Graviano incontrava Berlusconi''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy