Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Benpensanti non dicono nulla su chi, rispetto a Brusca, ha detto quasi nulla e potrebbe essere liberato

"Qualcuno tenta di smontare le riforme volute da Giovanni Falcone. Certamente se parlassi di meno magari farei più carriera. Paolo Borsellino, pur avvertendo avvicinarsi la morte, ha lavorato fino alla fine. Si poteva evitare quella morte e non abbiamo fatto ciò che era possibile, contrariamente forse a quella di Falcone che ormai lo si pensava quasi in pensione rispetto alla prima linea quando in realtà, nel momento in cui non ha fatto più il giudice, stava attuando un pezzo di riforme che ci servono ancora, che stiamo utilizzando e che qualcuno sta cercando di smontare". A dirlo è il procuratore Capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, a Vibo Valentia intervenuto ieri sera per presentare il libro "Non chiamateli eroi" scritto con lo scrittore e professore Antonio Nicaso. "In questo periodo sono arrabbiato - ha dichiarato Gratteri - perché si stanno facendo ragionamenti strani su cose per le quali Riina, con le sue bombe, non è riuscito a creare discussioni per certe riforme. Oggi vedo che quasi con distacco se ne sta parlando, come per l'ergastolo. Ho visto molti benpensanti parlare di Brusca che dopo 25 anni di carcere torna libero. Ma non ho notato alcun appunto sul fatto che se dovessero passare certe riforme, alcune persone che non hanno detto neanche "un quarto della messa" rispetto a Brusca potrebbero uscire dal carcere, pur avendo commesso una marea di omicidi. Da questo punto di vista stiamo un po' galleggiando nell'ipocrisia”. 

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Nicola Gratteri e la lotta alla Mafia che non piace al Potere

Scarcerazione Brusca, l'avvocato a ''Non è l'Arena'': ''Applicato codice procedura penale’’

Tescaroli: ''Con Brusca lo Stato ha vinto, sua liberazione è stimolo per altre collaborazioni''

Brusca scarcerato grazie alla legge di Giovanni Falcone
di Saverio Lodato

Giovanni Brusca ''ha collaborato'' e si è ''ravveduto'', ecco perché è stato scarcerato

Giovanni Brusca libero, rispettata la legge

Scarpinato: ''Collaborazioni rischiano di crollare dopo le sentenze della CEDU e Consulta''


Pentiti, Ardita: ''Si aggiorni normativa per conoscere rapporti mafia-potere''


Luigi Ciotti: ''La liberazione di Brusca è una vittoria dello Stato''

Brusca potrebbe ancora far paura per ciò che ha svelato

Scarpinato: Il Caso Brusca e la politica anti-pentiti

Scarcerazione Brusca. Tescaroli: ''Liberazione è stimolo per altri boss a collaborare'' - VIDEO

Ardita su Brusca: ''Senza i collaboratori la mafia avrebbe continuato a spadroneggiare''

Giovanni Brusca: ''Chiedo perdono ai familiari delle vittime. Cosa nostra è una fabbrica di morte''

Liberazione Brusca. Gaspare Mutolo: ''E' stata applicata la legge voluta da Falcone''

Scarcerazione Brusca, Salvatore Borsellino: ''Ripugnante, però in guerra va accettato''

Terersi: caso Brusca, si scinda il piano giudiziario da quello etico

Scarcerato Giovanni Brusca

L'Italia è un paese per mafiosi, non per pentiti, come Giovanni Brusca
di Saverio Lodato

Il caso Brusca

L'Italia è un paese per mafiosi, non per pentiti, come Giovanni Brusca

L'ex killer di Cosa nostra Giovanni Brusca ha chiesto i domiciliari

Tescaroli: ''Incentivare le collaborazioni con la giustizia garantendo l’anonimato''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy