Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

nonelarena brusca avvocato

Ingroia: “Politica incoerente, si straccia le vesti per Brusca e spinge per liberare i boss irriducibili”

Continua a far parlare il caso della scarcerazione del pentito Giovanni Brusca, ex capo mafia stragista di San Giuseppe Jato. Ieri sera a “Non è l’Arena”, condotta da Massimo Giletti, sono intervenuti giornalisti ed ex addetti ai lavori che si sono occupati del boss nel corso della loro carriera. Tra loro è intervenuto anche il suo avvocato Luigi Li Gotti che ha fatto ulteriore chiarezza dipanando i dubbi e le contestazioni, più che legittime, di chi ha aspramente criticato la scarcerazione di Brusca.
“Le polemiche da parte dei familiari delle vittime sono prevedibili, legittime e comprensibili”, ha detto Li Gotti. “Comprendo di meno però le polemiche della politica che dovrebbe essere interprete della legislazione che la stessa politica ha determinato. Tutti i politici sono stati colpiti allo stomaco violentemente dalla scarcerazione”, ha affermato sempre sul tema il legale.
“Io vorrei chiarire che quando finirono i processi per i quali era incriminato Brusca”, ha aggiunto ancora Li Gotti ricordando i procedimenti in cui il suo assistito è stato imputato e condannato per reati gravissimi nei primi anni 2000, “già si sapeva che l’esito sarebbe stato la scarcerazione dopo 30 anni”.


ingroia nonelarena


Li Gotti quindi non comprende il perché di questa polemica politica dato che si sta “semplicemente applicando il codice di procedura penale” dopo che “nei grossi processi Brusca aveva ottenuto i benefici della collaborazione” e in quelle occasioni “nessuno si scandalizzava”. A parlare insieme all’avocato Li Gotti c’è stato anche il collega Antonio Ingroia, già procuratore aggiunto di Palermo e “padre” dell’inchiesta sulla Trattativa Stato-mafia. “Sicuramente a tutti noi ha fatto impressione la scarcerazione di Govanni Brusca, ha esordito Ingroia. “Queste cose impressionano sicuramente, ma questi non sono assassini isolati, non sono cani rabbiosi che come gli togli il guinzaglio vanno sterminando le persone per strada. Questi - ha spiegato Ingroia - sono uomini appartenenti a un'organizzazione criminale e nel momento in cui si rompe il loro legame con l’organizzazione non sono più pericolosi come erano prima”. Sul punto Ingroia ha definito, proprio per questo motivo, “assurdo e incoerente il fatto che il parlamento si straccia le vesti per la scarcerazione di Brusca e al contempo si muove per i permessi premio ai boss stragisti con l’abolizione dell’ergastolo ostativo”.


nonelarena studio tot


Si tratta di soggetti, ha sottolineato il legale, “rimasti dentro l’organizzazione e che quindi in caso di liberazione tornano a commettere delitti ancor più di Brusca”. In questo senso, è intervenuto nuovamente Li Gotti a commento, dichiarando che oggi “la mafia è entrata nella politica e in particolare nel garantismo della politica”. Per tale ragione Li Gotti ritiene che “Cosa Nostra è felice in questi giorni”. Sempre rimanendo in tema scarcerazione Brusca ed ergastolo ostativo è intervenuto anche l’ex procuratore di Caltanissetta Sergio Lari. “Io per dieci anni insieme ai magistrati della Dda di Caltanissetta ho indagato sulle stragi. Dal 24 maggio 1992 abbiamo avuto in Italia sette stragi con 22 morti, oltre 100 feriti, interi tratti autostradali sventrati, edifici, musei e biblioteche distrutti e tanto altro”, ha ricordato Lari. “Cosa nostra è riuscita a mettere in ginocchio la nostra democrazia e chi ne fa parte può uscire solo per morte o collaborazione con la giustizia. Dare la possibilità a soggetti irriducibili di essere scarcerati solo per le buone condotte mantenute in detenzione è un rischio che la nostra democrazia non si può permettere”, ha sentenziato il magistrato. E, parlando della decisione della Consulta di concedere un anno di tempo al Parlamento per un intervento legislativo in tema ergastolo ostativo l’ex procuratore auspica che “il Parlamento adotti una soluzione che tenga conto di questi fattori”. “Non vorrei - ha concluso - che ci fosse la memoria corta da parte di chi dovrà affrontare questo difficile passaggio”.

Riguarda la puntata INTEGRALE: Clicca qui!

ARTICOLI CORRELATI

Tescaroli: ''Con Brusca lo Stato ha vinto, sua liberazione è stimolo per altre collaborazioni''

Brusca scarcerato grazie alla legge di Giovanni Falcone
di Saverio Lodato

Giovanni Brusca ''ha collaborato'' e si è ''ravveduto'', ecco perché è stato scarcerato

Giovanni Brusca libero, rispettata la legge

Scarpinato: ''Collaborazioni rischiano di crollare dopo le sentenze della CEDU e Consulta''


Pentiti, Ardita: ''Si aggiorni normativa per conoscere rapporti mafia-potere''


Luigi Ciotti: ''La liberazione di Brusca è una vittoria dello Stato''

Brusca potrebbe ancora far paura per ciò che ha svelato

Scarpinato: Il Caso Brusca e la politica anti-pentiti

Scarcerazione Brusca. Tescaroli: ''Liberazione è stimolo per altri boss a collaborare'' - VIDEO

Ardita su Brusca: ''Senza i collaboratori la mafia avrebbe continuato a spadroneggiare''

Giovanni Brusca: ''Chiedo perdono ai familiari delle vittime. Cosa nostra è una fabbrica di morte''

Liberazione Brusca. Gaspare Mutolo: ''E' stata applicata la legge voluta da Falcone''

Scarcerazione Brusca, Salvatore Borsellino: ''Ripugnante, però in guerra va accettato''

Terersi: caso Brusca, si scinda il piano giudiziario da quello etico

Scarcerato Giovanni Brusca

L'Italia è un paese per mafiosi, non per pentiti, come Giovanni Brusca
di Saverio Lodato

Il caso Brusca

L'Italia è un paese per mafiosi, non per pentiti, come Giovanni Brusca

L'ex killer di Cosa nostra Giovanni Brusca ha chiesto i domiciliari

Tescaroli: ''Incentivare le collaborazioni con la giustizia garantendo l’anonimato''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy