Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I pm sospettano che dietro la sua collaborazione con la giustizia ci sia celato disegno criminoso

Era nell’aria da tempo e oggi abbiamo l’ufficialità: il super boss della 'Ndrangheta di Cutro Nicolino Grande Aracri è inattendibile. Lo sostengono gli stessi magistrati della Dda di Catanzaro. "Le dichiarazioni del Grande Aracri Nicolino risultano prive di sviluppo investigativo ed anzi, le stesse, devono essere riferite ad una fonte di prova dichiarativa non credibile" scrivono nella relazione depositata nell'ambito di un procedimento in corso davanti al gip sulla richiesta di revoca della sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Domenico Grande Aracri e firmata dal procuratore Nicola Gratteri, dall'aggiunto Vincenzo Capomolla e dai pm Domenico Guarascio e Paolo Sirleo. Le dichiarazioni rese dal boss Nicolino Grande Aracri dopo l'avvio della sua collaborazione risalente a inizio marzo con i pm della Dda di Catanzaro non solo sono inattendibili ma i magistrati sospettano anche che dietro ci possa essere stato un disegno criminoso. "Nel tempestivo ambito di valutazione delle dichiarazioni del detenuto - sostengono i magistrati - l'Ufficio scrivente perveniva a conclusivo giudizio di inattendibilità (rectius non credibilità) del dichiarante, con il sospetto peraltro che l'intento collaborativo celasse un vero e proprio disegno criminoso". Durante i primi interrogatori, sono stati presi in esame alcuni casi di omicidio. "… lei non è il picciotto, lo sgarrista, che può non sapere certe dinamiche omicidiarie in maniera approfondita" gli fa presente il pm Guarascio mentre Gratteri, rivolgendosi al boss gli dice: "Grande Aracri, qua non possiamo andare avanti su ogni episodio, su ogni episodio stiamo facendo un processo. Noi, quando un killer, un estorsore, un usuraio, diventa collaboratore di giustizia, si mette a parlare per una settimana e con tremila dettagli…”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

‘Ndrangheta: dubbi sul dichiarato di Nicolino Grande Aracri, frenano i pm

Usura: arrestato 49enne ritenuto capo cosca Grande Aracri

Pentimento Grande Aracri, terremoto giudiziario in caso di conferma delle dichiarazioni

'Ndrangheta al Nord. Grande Aracri e le operazioni contro la longa manus di Cutro nel Nord

Ordine di Malta: ''Boss Aracri non fa parte di noi''

Morra: ''Se collaborazione di Grande Aracri è seria rivelazioni potrebbero essere importantissime''

Processo Aemilia, in appello confermate le accuse

'Ndrangheta: così la cosca Grande Aracri puntava al business biomasse

'Ndrangheta: affare da 100 milioni su farmaci e antitumorali

'Ndrangheta: arrestato il presidente del Consiglio regionale della Calabria

Processo Aemilia 1992: ergastolo a Nicolino Grande Aracri

Carceri: negata scarcerazione a Nicolino Grande Aracri, capo clan di 'Ndrangheta

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy