Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La condanna a 28 anni di carcere per Paolo Romeo e 20 per Antonio Caridi è stata chiesta dal procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri al termine della requisitoria conclusa dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, al termine di una "maratona" di udienze iniziata il 30 aprile e che ha visto intervenire i pm Sara Amerio, Walter Ignazzitto, Stefano Musolino e Giulia Pantano.
Il processo è quello che racchiude in sé ben cinque diverse indagini - Sistema Reggio, Fata Morgana, Reghion, Mammasantissima e Alchimia - coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e che ha disvelato l'esistenza di "una ‘Ndrangheta che non si vede, che supera le affiliazioni rituali, che supera le forme di segretezza, per accedere ad una forma nuova di operatività in ambiti elevati e segue le tracce fissate molti anni fa, quando venne creata la prima componente riservata".
Ma forse per questo ancora più pericolosa. Sta qui il cuore del processo ed è qui che sono da ricercare le ragioni delle richieste di pena pesantissime avanzate in aula.
Una struttura che, in base a quanto ricostruito dall'accusa, avrebbe in Paolo Romeo e Giorgio De Stefano (questi già condannato in abbreviato) massimi riferimenti del "sistema di potere". Entrambi erano capaci di gestire un "circuito relazionale di tipo mafioso" con ex politici, ex magistrati, funzionari e dirigenti pubblici. E il quadro probatorio emerso nel corso del processo, con le intercettazioni e le molteplici dichiarazioni dei collaboratori di giustizia hanno permesso di comporre un puzzle che rappresenta la nuova dimensione della ‘Ndrangheta.
Ugualmente è stata chiesta la condanna per Alberto Sarra, l'ex sottosegretario alla Regione Calabria della Giunta Scopelliti, mentre sette anni sono stati chiesti per l'ex presidente della Provincia, Giuseppe Raffa. Su 31 imputati l'accusa ha chiesto 19 condanne e 11 assoluzioni, un imputato è deceduto nelle more del processo. Le accuse sono, a vario titolo, di associazione mafiosa, voto di scambio, violazione della legge Anselmi, corruzione, estorsione, truffa, falso ideologico e rivelazione di segreti d'ufficio.

In foto da sinistra: Antonio Caridi e Paolo Romeo

ARTICOLI CORRELATI

Processo Gotha, oggi si chiude la requisitoria

Processo Gotha, storia di 'Ndrangheta e massoneria

Gotha, Lombardo: ''La 'Ndrangheta si è fatta istituzione, governando un sistema''

Processo Gotha, ''ecco i veri volti e il programma criminale della direzione strategica della 'Ndrangheta''

Gotha, verso la requisitoria il processo agli ''invisibili'' della 'Ndrangheta

Parla Seby Vecchio: ''Paolo Romeo? Per 'Ndrangheta e politica un Dio''

Processo Gotha, Seby Vecchio tira in ballo Pollari per l'esplosivo in Comune

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy