Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Don Ciotti: "La Chiesa vuole fare uno scatto ulteriore nell'impegno contro la mafia"

La scomunica di chi fa parte della mafia diventerà legge canonica.
Per questo motivo è stato istituito in Vaticano un gruppo di lavoro nell’ambito del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, al fine di rendere ancora più forte la scomunica dei mafiosi, mettendola nero su bianco, nel diritto canonico e nel catechismo. "Chi fa parte di qualsiasi organizzazione mafiosa viene scomunicato".
Il gruppo di lavoro è composto da don Luigi Ciotti, presidente di Libera, Giuseppe Pignatone, ex procuratore di Roma e oggi presidente del tribunale vaticano, dal professore Vittorio Alberti, “officiale” del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, monsignor Michele Pennisi, vescovo di Monreale, Rosy Bindi, ex presidente della commissione antimafia, don Marcello Cozzi, docente della Pontificia università Lateranense, don Raffaele Grimaldi, ispettore generale dei Cappellani delle carceri, e Ioan Alexandru Pop, del Pontificio Consiglio Vaticano per i testi legislativi.
"La commissione è stata costituita proseguendo il lavoro che avevamo iniziato quattro anni fa su mafia e corruzione. Ci siamo resi conto che nella Dottrina sociale della Chiesa, nel Diritto canonico, nel Catechismo non si fa menzione della scomunica ai mafiosi. Quindi, per rafforzare la scomunica, i pronunciamenti e il magistero di Papa Francesco su questo tema abbiamo pensato che occorreva intervenire. Di qui la creazione del gruppo di lavoro", ha spiegato a Vatican News il coordinatore del gruppo Vittorio Alberti.
Un lavoro che parte dal grido che Papa Wojtyla ha lanciato il 9 maggio 1993 nella Valle dei Templi fino ad arrivare a Francesco che il 21 giungo 2015 ha ribadito l'appello alla conversione per i boss, "i mafiosi non sono in comunione con Dio, sono scomunicati".
La Chiesa ha fatto passi avanti nel percorso contro la mafia – ha detto don Luigi Ciotti – ma bisogna fare uno scatto ulteriore. Le organizzazioni mafiose usano la religione come strumento di consenso e di potere. E’ allora necessario che ci siano pronunciamenti non solo verbali, ma scritti. Per dire in maniera chiara che la Chiesa taglia i ponti con la mafia" e che "c'è già una scomunica di fatto, che entra in vigore a prescindere dalla scomunica de iure" e ancora "ma queste parole devono andare anche oltre, il Papa vuole che raggiungano la Chiesa universale, che non ha queste prese di posizione nella dottrina sociale o nel diritto canonico o nel catechismo". Inoltre il gruppo voluto dal Papa, ha spiegato don Luigi, sta lavorando non solo all’inserimento della scomunica nei testi della Chiesa, ma anche ad alcune iniziative “nelle carceri e nei vari contesti, dove c’è bisogno di una condanna forte del fenomeno, ma anche di una nuova pastorale”. La notizia della creazione del gruppo di esperti è arrivata nel giorno della beatificazione di Rosario Livatino, magistrato ucciso dalla mafia nel 1990.
(Prima pubblicazione: 10-05-2021)

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

La battaglia di Papa Francesco 

Fiducia in Papa Francesco

In difesa di Papa Francesco

Papa Francesco ai mafiosi: “convertitevi!”

Papa Francesco: ''I mafiosi non hanno nulla di cristiano, finiranno male''

Papa Francesco contro i mafiosi: ''Convertitevi! O la vostra vita andrà persa''

Papa Francesco contro la mafia, Bongiovanni: ''Messaggio politico della chiesa alla mafia''

Papa Francesco e la lotta alla mafia

Scandali, affari e misteri tutti i segreti dello Ior

Caso Marcinkus: ''Personaggi vicini al Vaticano non vogliono rinnovamento dello Ior''

Ior: scandalo in Vaticano. Il silenzio del Papa e l’omertà dei cattolici

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy