Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Per il consigliere togato "i mafiosi sono pronti a travestirsi da dissociati pur di realizzare il loro scopo"

"In un sistema penale e penitenziario caotico e privo di certezze come il nostro, la rinuncia dello Stato all'ergastolo per i reati di mafia rischia di realizzare un desiderio agognato dai capi di Cosa nostra, pronti a travestirsi da dissociati pur di realizzare il loro scopo". Sono queste le parole del consigliere togato del Csm, Sebastiano Ardita, interpellato dall'Adnkronos per un commento rispetto la decisione della Consulta sull'ergastolo ostativo. Per la Corte costituzionale, la disciplina dell'ergastolo ostativo, facendo della collaborazione "l'unico modo" per il condannato di recuperare la libertà, "è in contrasto con gli articoli 3 e 27 della Costituzione e con l'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo". "È questo l'argine costituito dalla collaborazione quale porta di accesso ai benefici, che non rappresenta un automatismo, ma solo un modo per tenere ferma una pena prevista dall'ordinamento e per difendere la collettività da un potere criminale reale - dice ancora Ardita - L'unico strumento sicuro per impedire il rischio di pericolose elusioni che si avrebbero estendendo gli strumenti pensati per i meritevoli, anche a coloro che hanno come scopo di raggiungere la libertà per riorganizzare i sistemi criminali". E aggiunge: "Occorre ripartire dal riconoscimento della necessità di non rinunciare alla prevenzione antimafia - contenuto in questa sentenza - per ripensare la legislazione di contrasto a cosa nostra, in modo da impedire ai capi storici di raggiungere i loro obiettivi".
"La Costituzione nel 1947 recepì un ordinamento penale rigoroso e rispettoso dei diritti individuali dei reclusi. Accolse l'ergastolo come pena massima, anche se il fenomeno mafioso - ancora invisibile - era di fatto sconosciuto. Negli anni che ci separano dalla Costituzione è cresciuta in modo geometrico l'aggressione della criminalità mafiosa e terroristica nei confronti dei cittadini; eppure la interpretazione 'evolutiva' di quei principi ha finito per negare costituzionalità non solo alla pena dell'ergastolo in sé, ma persino alla sua applicazione agli autori di gravi delitti di mafia", ha proseguito il magistrato catanese. "Il problema in realtà non sono gli automatismi, ma la effettività, credibilità e coerenza del sistema penale - ha concluso Ardita, che per molti anni è stato in Dda dove si è occupato di processo di mafia - In un sistema coerente e rigoroso nessuno griderebbe allo scandalo se a un soldato di mafia, ormai fuori dall'organizzazione e desideroso di rifarsi una vita, dopo una seria valutazione potesse darsi una nuova possibilità".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ministra Cartabia, la cella ai mafiosi la apra lei! - di Saverio Lodato

I boss esultano. La Consulta decreta l'incostituzionalità dell'ergastolo

L'appello di Sonia Bongiovanni: ''Il capo dello Stato è parente di vittima di mafia, si schieri con noi''

Dopo l'ergastolo ostativo, toccherà al 416 bis. Così si smobilita la legislazione antimafia

Margherita Asta: ''Il mafioso deve collaborare, deve contribuire a scrivere la verità''

Leonardo Agueci: ''L'attenuazione del trattamento carcerario è sempre stato il principale obiettivo della mafia''

Siap Palermo: Le conquiste legislative in tema di contrasto a Cosa Nostra non si toccano

Eliminazione ergastolo ostativo: stanno uccidendo, di nuovo, Falcone e Borsellino


Di Matteo: ''Lotta alla mafia non è in cima all'agenda politica dei governi''

Maria Falcone: ''Errore modificare ergastolo per boss''

Davigo: ''Quanto efficace difesa dell'Italia davanti alla corte di Strasburgo?''

Ergastolo ostativo, Borsellino: ''Stanno per dare il colpo di grazia a mio fratello e a Falcone''

Giarrusso: ''Difendiamo l'ergastolo ostativo per i mafiosi''

Libertà condizionale ai boss, l'ira di Morra, Giarrusso e Di Battista contro il governo

Ergastolo ostativo, non vorrei essere nei panni di un magistrato di sorveglianza

Ergastolo ostativo, Maresca: "Così si distrugge impianto contro boss"


''Mafia in Nove Atti'': carcere ostativo e 41 bis sotto attacco

Guai se depotenziano l'ergastolo ai mafiosi

Ergastolo ostativo, Aiello: ''Indignata per decisione Avvocatura. Rischiamo di accogliere le richieste di Riina''

La Consulta decide sull'ergastolo ostativo: così brinda la mafia

Ergastolo e 41 bis: tra permessi premio e svuotamenti la mafia spera

Una ''dissociazione'' per la libertà, la strategia del boss Filippo Graviano

Il neo-ministro Cartabia e quella allarmante pronuncia della Consulta su ergastolo ostativo

Eliminare l'ergastolo ostativo significa arrendersi alla mafia

Ergastolo ostativo, la Cedu rigetta il ricorso dell'Italia

La Corte Ue e l'ergastolo ostativo: a rischio anche il 41 bis

Ergastolo ostativo, Caselli: ''Resti 41 bis, evitiamo che mafiosi riprendano armi''

La decisione della Corte europea che rischia di far felici mafiosi e terroristi

Sebastiano Ardita: ''L'abolizione dell'ergastolo ostativo significherebbe il ritorno dei boss irriducibili''

Grillo: caduta, inganno e tradimento del padre dei Cinque Stelle

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede


E la mafia?

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy