Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo il fratello del giudice Paolo "i boss devono collaborare altrimenti nessun sconto pena è giustificato"

"La nostra legislazione antimafia è la migliore e l'Europa avrebbe solo da imparare. I mafiosi hanno la possibilità di avere sconti di pena se veramente dimostrano di essere cambiati. Ed è possibile che accada, abbiamo l'esempio di Gaspare Mutolo che oggi è una persona che veramente si è redenta. Perché non lo possano fare gli altri? Se vogliono collaborano con la giustizia, altrimenti nessuno sconto di pena è giustificato". Ad affermarlo è Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo ucciso dalla mafia nella strage di via d'Amelio del 1992, commentando all'Adnkronos la decisione della Consulta sull'ergastolo ostativo per i condannati all'ergastolo per reati di mafia. La Consulta ha rilevato che la "disciplina ostativa, facendo della collaborazione l'unico modo per il condannato di recuperare la libertà, è in contrasto con gli articoli 3 e 27 della Costituzione e con l'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo". Per il fondatore del Movimento delle Agende Rosse si tratta di "uno schiaffo a tutti quelli che hanno perso i loro cari nella lotta alla mafia o per mano di essa. Una decisione triste - dice - e che non fa altro che aumentare la rabbia che ho dentro e che in questi anni è cresciuta davanti a notizie di questo tipo". La Convenzione europea dei diritti dell'uomo? "Avrebbe un senso se parlassimo di uomini ma queste persone sono peggio delle bestie, hanno ucciso per il desiderio di potenza e per accumulare potenza - aggiunge Borsellino - Hanno dimostrato che anche dal carcere riescono a mantenere i contatti con l'esterno e il loro potere e quando escono hanno in più la 'medaglia' di essersi fatti anni di galera. Per loro dissociarsi dalla mafia è soltanto un espediente, un modo per ottenere qualcosa senza collaborare con la giustizia". "Nessuno - conclude - mi toglie dalla testa che si stanno pagando ancora cambiali contratte al tempo della trattativa. E il fatto che Matteo Messina Denaro sia ancora a piede libero rafforza questa mia idea: se non è stato ancora catturato è perché gode di protezioni all'interno dello Stato".

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Ministra Cartabia, la cella ai mafiosi la apra lei! - di Saverio Lodato

Maria Falcone: ''Su ergastolo ostativo intervenga legislatore, non si vanifichino anni di lotta''

I boss esultano. La Consulta decreta l'incostituzionalità dell'ergastolo

Ergastolo ostativo, Dolci: ''Occorre sensibilizzare la magistratura di sorveglianza''

Ergastolo ostativo: preoccupa l'indebolimento degli strumenti di lotta alle mafie

L'appello di Sonia Bongiovanni: ''Il capo dello Stato è parente di vittima di mafia, si schieri con noi''

Dopo l'ergastolo ostativo, toccherà al 416 bis. Così si smobilita la legislazione antimafia

Margherita Asta: ''Il mafioso deve collaborare, deve contribuire a scrivere la verità''

Leonardo Agueci: ''L'attenuazione del trattamento carcerario è sempre stato il principale obiettivo della mafia''

Siap Palermo: Le conquiste legislative in tema di contrasto a Cosa Nostra non si toccano

Eliminazione ergastolo ostativo: stanno uccidendo, di nuovo, Falcone e Borsellino


Di Matteo: ''Lotta alla mafia non è in cima all'agenda politica dei governi''

Maria Falcone: ''Errore modificare ergastolo per boss''

Davigo: ''Quanto efficace difesa dell'Italia davanti alla corte di Strasburgo?''

Ergastolo ostativo, Borsellino: ''Stanno per dare il colpo di grazia a mio fratello e a Falcone''

Giarrusso: ''Difendiamo l'ergastolo ostativo per i mafiosi''

Libertà condizionale ai boss, l'ira di Morra, Giarrusso e Di Battista contro il governo

Ergastolo ostativo, non vorrei essere nei panni di un magistrato di sorveglianza

Ergastolo ostativo, Maresca: "Così si distrugge impianto contro boss"


''Mafia in Nove Atti'': carcere ostativo e 41 bis sotto attacco

Guai se depotenziano l'ergastolo ai mafiosi

Ergastolo ostativo, Aiello: ''Indignata per decisione Avvocatura. Rischiamo di accogliere le richieste di Riina''

La Consulta decide sull'ergastolo ostativo: così brinda la mafia

Ergastolo e 41 bis: tra permessi premio e svuotamenti la mafia spera

Una ''dissociazione'' per la libertà, la strategia del boss Filippo Graviano

Il neo-ministro Cartabia e quella allarmante pronuncia della Consulta su ergastolo ostativo

Eliminare l'ergastolo ostativo significa arrendersi alla mafia

Ergastolo ostativo, la Cedu rigetta il ricorso dell'Italia

La Corte Ue e l'ergastolo ostativo: a rischio anche il 41 bis

Ergastolo ostativo, Caselli: ''Resti 41 bis, evitiamo che mafiosi riprendano armi''

La decisione della Corte europea che rischia di far felici mafiosi e terroristi

Sebastiano Ardita: ''L'abolizione dell'ergastolo ostativo significherebbe il ritorno dei boss irriducibili''

Grillo: caduta, inganno e tradimento del padre dei Cinque Stelle

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede


E la mafia?

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy