Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“I boss potranno ottenere quanto avevano richiesto con le stragi del 1992-93”

Duri, anzi durissimi, sono stati i commenti di alcuni degli ex membri del Movimento 5 Stelle alla notizia dell’apertura dell’avvocatura dello Stato (e quindi del governo) alla liberazione condizionale ai condannati all’ergastolo ostativo (tra questi anche gli irriducibili boss stragisti). Tra chi ha criticato lo stop agli automatismi sull'ergastolo ostativo per delitti di associazione mafiosa c’è Mario Michele Giarrusso (oggi nel Gruppo Misto), Alessandro Di Battista (che ha lasciato il Movimento dopo il sì dei 5Stelle al governo Draghi), e Nicola Morra (presidente della Commissione Antimafia, espulso dal Movimento dopo aver votato no alla fiducia). “I traditori al governo con Draghi portano a compimento la trattativa Stato-mafia”, scrive su Facebook Giarrusso.
“I boss potranno ottenere quanto avevano richiesto con le stragi del 1992-93 e cioè l'abolizione dell'ergastolo.
Chiunque sostenga il governo Draghi dovrà essere considerato complice della liberazione dei mafiosi più sanguinari e irriducibili”.
Parole dure anche da Morra: “Le organizzazioni mafiose sono Stato nello Stato, sono nemici perfettamente mimetizzati da amici, e vanno limitate nella loro pericolosità sociale, enorme purtroppo. Ritenere che possano essere associate ad altre forme di criminalità comune significa travisare del tutto la loro essenza, esponendoci al rischio di dover imparare nuovamente sulla pelle di innocenti ciò che abbiamo imparato con il sacrificio di tante vittime. Il 'papello' della trattativa Stato-Mafia aveva esplicitato tutto ciò. Ora qualcuno vuole dimenticare?
Il dottor Nino Di Matteo sa bene cosa certe decisioni possano significare. Perché non ascoltarlo?”.
E infine le parole di Alessandro Di Battista: “Ci avviciniamo all'estate. Ebbene saranno tanti i politici a battersi il petto e ad osservare ipocriti minuti di silenzio sui luoghi dei delitti mafiosi. Ricorderanno Falcone, Borsellino, don Puglisi, Cassarà, Beppe Montana etc, etc. Sappiate che li ha ammazzati Cosa nostra, l'organizzazione criminale contattata da parte dello Stato (ebbene sì, la Trattativa non è partita dai mafiosi) e che in cambio della 'pax mafiosa' chiese, tra le altre cose, l'alleggerimento del carcere duro”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ministra Cartabia, la cella ai mafiosi la apra lei! - di Saverio Lodato

Di Matteo: ''Lotta alla mafia non è in cima all'agenda politica dei governi''


Libertà condizionale ai boss, il governo cede sull'ergastolo

Ergastolo ostativo, Borsellino: ''Stanno per dare il colpo di grazia a mio fratello e a Falcone''

Guai se depotenziano l'ergastolo ai mafiosi

Ergastolo ostativo, Aiello: ''Indignata per decisione Avvocatura. Rischiamo di accogliere le richieste di Riina''

La Consulta decide sull'ergastolo ostativo: così brinda la mafia

Ergastolo e 41 bis: tra permessi premio e svuotamenti la mafia spera

Una ''dissociazione'' per la libertà, la strategia del boss Filippo Graviano

Il neo-ministro Cartabia e quella allarmante pronuncia della Consulta su ergastolo ostativo

Eliminare l'ergastolo ostativo significa arrendersi alla mafia

Ergastolo ostativo, la Cedu rigetta il ricorso dell'Italia

La Corte Ue e l'ergastolo ostativo: a rischio anche il 41 bis

Ergastolo ostativo, Caselli: ''Resti 41 bis, evitiamo che mafiosi riprendano armi''

La decisione della Corte europea che rischia di far felici mafiosi e terroristi

Sebastiano Ardita: ''L'abolizione dell'ergastolo ostativo significherebbe il ritorno dei boss irriducibili''

Grillo: caduta, inganno e tradimento del padre dei Cinque Stelle

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede


E la mafia?

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy