Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’avvertimento dopo l’apertura di Biden a Teheran e l’annuncio degli Usa di tornare all'accordo nucleare del 2015

Benny Gantz (in foto al centro), il ministro della Difesa israeliano, ha minacciato ieri un'azione militare contro l'Iran al fine di impedire alla Repubblica teocratica di ottenere una bomba atomica, affermando al contempo di sostenere anche un accordo globale per porre fine al programma nucleare del Paese e bloccarne la presenza militare nella regione. "Dobbiamo tutti assicurarci che, nel caso in cui un accordo venisse firmato con l'Iran, esso metta fine al suo progetto nucleare, consenta una supervisione e un'ispezione efficaci a lungo termine e ponga fine al trinceramento iraniano in Siria, Yemen e Iraq", ha affermato il ministro della Difesa. I commenti di Gantz arrivano dopo che il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha segnalato la volontà di aprire i negoziati con Teheran sul programma nucleare e ha parlato di un possibile ritorno all'accordo nucleare del 2015. "Parallelamente, le Forze di difesa israeliane stanno attualmente lavorando per rafforzarsi e si stanno preparando per qualsiasi scenario, incluso quello in cui dovremmo intraprendere un'azione operativa per impedire all'Iran di ottenere armi nucleari", ha concluso Gantz.

Foto © Israel Defense Forces is licensed under CC BY-NC 2.0

TAGS: ,

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy