Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Le parole del deputato 5Stelle dopo il voto su Rousseau

Sulla piattaforma Rousseau "ho votato no, pur sapendo che il quesito era tendenzioso, una domanda che suggeriva in modo manipolatorio la risposta, una roba da Orwell al sugo. L'ho considerato perciò come un semplice sondaggio che dava alcune tendenze, non un vero referendum con regole corrette e neutre. Nonostante i trucchetti emerge un popolo che si ribella". Lo afferma il deputato Movimento Cinque Stelle Pino Cabras in una intervista a Il Mattino. "Nei confronti di Grillo non siamo irriconoscenti, ma lui è irriconoscibile. L'Elevato ora è il Disinnescato. Noi no". “Se l’uscita di Di Battista pone le basi di un nuovo partito? C’è una voragine di cittadini non rappresentati", "la speranza di cambiare si è tradotta in un exploit parlamentare senza precedenti, una marea che ha sollevato una nuova generazione fino alle poltrone ministeriali. Intorno a quelle poltrone si è cementato un gruppo dirigente che ha smarrito le ragioni per le quali vi era stato portato. Per durare come governanti hanno dimenticato il loro popolo di riferimento, ma quel popolo esiste e chiede ancora di essere difeso, cosa che non può accadere se il dominus è Draghi. O cambiamo il gruppo dirigente M5S o cambiamo strumento organizzativo della politica". E aggiunge: "Nel momento in cui perfino i sovranisti della Lega sono stati folgorati sulla via di Bruxelles, c'è un mondo che ci aspetta fuori dal Palazzo per spendere la nostra passione politica", "il Movimento, nonostante avesse alluso ai grandi problemi economici e nonostante alcune riforme sociali importanti (reddito di cittadinanza e decreto dignità su tutti), non ha mai voluto affrontare il "sancta sanctorum" della politica economica, il Ministero dell'Economia e delle Finanze, la cassaforte dello 'Stato Profondo' che sa governare misurando le sue azioni in miliardi di euro, non in milioni", "grande errore anche consentire, con l'autoreggenza di Crimi, che non ci fosse più alcuna guida politica, sostituita con forzature, cedimenti subalterni ai partiti e propaganda boomerang che durava 24 ore”.

Foto originali © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Di Battista: ''Immorale che nel governo ci siano Brunetta, Carfagna e Gelmini''

I 5Stelle sprofondano nel ridicolo e appoggiano il governo Draghi

Dell'Utri e Bontate: il curriculum di B. ci impone di dire No al nuovo governo

Di Battista: ''Non starò mai in un governo con Forza Italia''

Crisi di Governo: trattative in salita, tegola Giustizia

Di Battista isolato, contro Draghi

Mario Draghi, le ombre del banchiere che vuole governare l'Italia

Di Battista, l'ultimo dei Mohicani dei 5Stelle dice no a Draghi

Consultazioni per il Governo, oggi sul tavolo l'ipotesi di programma

Governo: nulla da fare, Conte sale al colle per le dimissioni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy