Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’intervista del consigliere del Csm ai microfoni di InBlu2000 con Paolo Borrometi

“La vaccinazione ai detenuti è assolutamente una priorità. E questa scelta va fatta subito senza il timore di andare contro l’opinione pubblica”. A dirlo è il consigliere del Csm ed ex direttore generale del DAP, Sebastiano Ardita, in un’intervista a InBlu2000, la radio nazionale DAB della Conferenza episcopale italiana, durante la prima puntata del programma ‘Italiani contro le mafie’ condotto dal giornalista Paolo Borrometi in onda il sabato ore 13.10 e 18.10.
“Questa scelta - ha spiegato Ardita - ha una sua razionalità e due fondamenti. Il primo è che in carcere esiste un welfare rafforzato, cioè c’è un’azione sociale diversa da quella che riguarda i cittadini liberi. Il secondo è quello che in questo momento c’è un dibattito nel Paese secondo cui la carcerazione è una condizione che favorisce la diffusione del covid. È un dibattito che ancora non è venuto ad una certezza ma non importa. Questa dibattito ha prodotto alcune scelte come ad esempio dei provvedimenti normativi che hanno consentito la concessione della detenzione domiciliare anche in condizioni di pericolosità o pericolo di fuga. Cioè in condizioni che normalmente non avrebbero consentito la scarcerazione”. “Se c’è il dubbio - ha concluso il magistrato sul punto - che possa esserci una diffusione maggiore di covid in carcere e la risposta è la scarcerazione penso che i cittadini preferiscano che vengano somministrati i vaccini in tempo ai detenuti e si eviti dunque di risolvere il problema con la scarcerazione”.

Gli interessi delle mafie ai tempi del Covid
Nel corso della sua intervista Sebastiano Ardita ha parlato degli interessi delle mafie durante questa emergenza sanitaria.
“C’è sempre la possibilità che le mafie sfruttino le risorse economiche impegnate in un’emergenza importante come quella del Coronavirus - ha detto Ardita - questo è un pericolo reale e attuale. La mafia cercherà di introdursi come potrà perché gli interessi economici rappresentano uno dei fronti di impegno principali delle organizzazioni criminali”.

Rinascita-Scott
Durante il suo intervento il magistrato catanese ha poi risposto sul maxi processo contro la ‘Ndrangheta “Rinascita-Scott”, iniziato qualche giorno fa a Lamezia Terme. “Quello di Lamezia Terme è un processo molto importante perché unisce più profili, non soltanto quello militare ma anche quello di soggetti del mondo che conta, quello istituzionale o economico”, ha detto Ardita. “Quel processo è importante anche perché ha impiegato un impegno logistico non indifferente, in pochi mesi è stata creata un’aula bunker, la più grande in Italia e forse anche in Europa. C’è uno sforzo sinergico enorme degli uffici giudiziari, cancellieri e forze dell’ordine e dello stesso Ministero. E’ l’esempio di una giustizia che comunque funziona. Ed è stato importante farlo in quel territorio - ha aggiunto - perché ci sono delle competenze territoriali, spostarlo altrove non sarebbe stato un bel segnale”.

“Trattative tra Stato e mafia? Rischio c’è sempre”
Il consigliere togato del Csm ha infine riposto a una domanda del conduttore Borrometi sull’esistenza di eventuali trattative tra mafia e Stato oggi. “Diciamo che la questione andrebbe risolta andando un po’ alla radice del problema e cioè: quando noi parliamo di mafie parliamo di una realtà talmente radicata ed evoluta da riuscire a dialogare con le istituzioni e quindi ad influenzarle. Quindi - ha spiegato il magistrato - è insito che le mafie siano in grado di parlare con lo Stato e ad avere con alcuni soggetti un rapporto, ci sono stati anni nei quali Cosa nostra ha operato nel sommerso attraverso un dialogo a distanza con personaggi che contavano nelle istituzioni nel mondo economico-finanziario. Questo rischio c’è sempre, negarlo e far passare l’idea di una narrazione soltanto militare della mafia è comodo ed è stato il pretesto della cosiddetta falsa antimafia, cioè pensare - ha concluso - che la mafia sia soltanto un fenomeno militare”.

Per ascoltare l’intervista: Clicca qui!

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Il consigliere togato Ardita: ''Scarcerazioni boss? Pericoloso calo d'attenzione''

L'appello di Ardita al mondo antimafia: ''Sia unito per impedire scarcerazioni boss''

''Scarcerare i boss significa dimenticare cos'è Cosa Nostra''

Di Matteo e Ardita: ''Decreto liquidità rischia di favorire la mafia''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy