Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nancy Pelosi chiede le dimissioni del presidente uscente e assicurazioni sulla valigetta nucleare

Il presidente bloccato su Facebook e Twitter

A distanza di due giorni dall'assalto dei suoi sostenitori al Campidoglio Donald Trump ha annunciato di non avere intenzione di partecipare alla cerimonia di insediamento del neo presidente dem Joe Biden il prossimo 20 gennaio. Una “buona cosa”, ha definito la sua assenza Biden che, nel corso di una conferenza stampa, ha descritto il Tycoon come “non idoneo per questo ruolo, è uno dei presidenti più incompetenti di sempre”. Su Twitter, prima che gli venisse bloccato l'account in maniera permanente, Trump ha lanciato un messaggio ai suoi sostenitori, “75 milioni di grandi patrioti americani che hanno votato per me, per l’America first, per renderla di nuovo grande”. Loro, continua, “avranno una voce gigante a lungo in futuro. Non saranno disprezzati o trattati ingiustamente in nessun modo e forma”. Tre sono gli scenari che incombono nei prossimi giorni: dimissioni, 25° emendamento (che consentirebbe la destituzione del presidente) o impeachment. Sulla prima ipotesi da Washington riferiscono a Cnn che Trump non ha intenzioni di fare un passo indietro. Biden - che in conferenza stampa ha sottolineato che è il Congresso a decidere sull’impeachment - esclude invece la seconda ipotesi, perché non vuole aumentare ulteriormente la tensione con l’avversario nell’ultima campagna elettorale che rischierebbe solo di creare spaccature negli States e radicalizzare il dibattito interno. Della stessa idea è anche il vicepresidente Mike Pence che non ha intenzione, in vista di una possibile candidatura alle prossime elezioni 2024, di inimicarsi una parte del Paese ancora vicina al Tycoon. Senza il suo consenso a entrare in carica, il ricorso al 25esimo emendamento verrebbe bloccato. Sul piede di guerra si trova invece Nancy Pelosi, presidente della Camera che chiede le dimissioni di Trump assicurando che “se non lascerà l’incarico volontariamente, il Congresso procederà con la sua azione”, precisando che all’impeachment preferisce il 25° emendamento o le dimissioni del presidente. Ma già lunedì, riferiscono fonti alla Cnn, verrà avviato alla Camera il procedimento per l’impeachment.
La speaker ha inoltre aggiunto che Donald Trump non può avere i codici nucleari perché "instabile". Per questo Pelosi ha parlato con il capo dello stato maggiore congiunto Mark Milley per prevenire qualsiasi eventuale iniziativa militare ostile o nucleare del presidente. Pelosi voleva discutere “le precauzioni disponibili per impedire a un presidente instabile di avviare ostilità militari o accedere ai codici di lancio e ordinare un attacco nucleare”. Un alto funzionario dell’esercito le ha assicurato che esistono i mezzi per evitare che Trump possa ordinare un attacco nucleare. La situazione di “questo presidente instabile - ha aggiunto Pelosi - non potrebbe essere più pericolosa". Pelosi ha fatto inoltre sapere che nell’assalto al Congresso - in cui sono morte cinque persone, l’ultima delle quali è l’agente Brian Sicknick, 42 anni - i manifestanti pro Trump hanno rubato anche un laptop dal suo ufficio.
Nel caso in cui avanzasse, Trump affronterebbe il processo in un Senato controllato ancora dai repubblicani (i due nuovi senatori dem devono attendere fine mese per la certificazione dei risultati dei ballottaggi in Georgia) e in pausa sino al 19 gennaio, cioè il giorno prima del giuramento di Joe Biden. Il leader dei senatori del Grand Old Party Mitch McConnell, pur avendo condannato il comportamento di Trump, non ha ancora fatto sapere se riconvocherebbe il Senato nel caso la Camera approvasse gli articoli dell’impeachment. In ogni caso per condannare e rimuovere il presidente sono necessari i due terzi dei voti. Ad ogni modo lo stesso presidente sembra essersi arreso all’idea di lasciare la Casa Bianca garantendo un periodo di transizione tranquillo. Rivolgendosi agli americani, ha per la prima volta riconosciuto il passaggio di consegne del 20 gennaio spiegando che “il mio obiettivo ora è di assicurare una transizione dei poteri tranquilla e ordinata. So che siete delusi ma voglio anche che sappiate che il nostro incredibile viaggio è solo all’inizio”, ha scritto su Twitter.

Foto © Imagoeconomica

Fonte: Il Fatto Quotidiano

ARTICOLI CORRELATI

Shock a Washington: sostenitori di Trump assediano il Campidoglio

Video

  • All
  • Agende Rosse
  • Angela Manca
  • Cosa Nostra
  • Gaspare Mutolo
  • Joe Biden
  • Luana Ilardo
  • Luisa Impastato
  • Peppino Impastato
  • USA
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy