Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Daniele Santoianni: “È la fine di un incubo che ritenevo inimmaginabile e che non auguro a nessun cittadino"

Il Tribunale di Palermo ha assolto con formula piena, perché il 'fatto non sussiste', l'ex concorrente del 'Grande Fratello', Daniele Santoianni, imputato nel processo denominato "Mani in Pasta" contro il clan mafioso dell'Acquasanta. L'operazione dalla quale era scaturito il processo aveva portato il 12 maggio del 2020 a decine di misure di custodia cautelare. Santoianni, che è stato difeso nel corso del processo dal legale Giampiero Biancolella di Milano, era stato sottoposto agli arresti domiciliari. Il Tribunale del Riesame, dopo un mese, aveva poi annullato l'arresto.
La procura aveva ipotizzato che Santoianni fosse un intestatario fiduciario di attività economiche riferibili a contesti di famiglia mafiosa. Ma i giudici del Riesame nel giugno del 2020 avevano accolto il ricorso presentato dal suo legale. Oggi l'assoluzione. "È la fine di un incubo che ritenevo inimmaginabile e che non auguro a nessun cittadino. Essere vittima di un errore giudiziario causa un dolore indescrivibile al soggetto ingiustamente arrestato ed ai suoi famigliari. La civiltà giuridica di un Paese è dimostrata dalla capacità dei suoi giudici di riconoscere l'errore e di ristabilire la verità restituendo l’onorabilità a cittadini che nulla hanno commesso", ha scritto Santoianni in un comunicato da noi ricevuto. "Detta pubblicazione - si legge - mi è dovuta sia per la riabilitazione della mia persona infangata da accuse inesistenti, sia per il diritto del lettore ad avere un'informativa corretta ed aggiornata".

Le condanne
Il gup di Palermo Simone Alecci ha condannato a pene complessive di poco inferiori ai due secoli di carcere trenta imputati, assolvendone altri 36. Colpite duramente - nonostante il rito abbreviato, che dà diritto a uno sconto di pena di un terzo - soprattutto le famiglie dei Fontana e dei Ferrante, clan ritenuti autori di taglieggiamenti, infiltrazioni in imprese, cooperative di lavoratori impegnati nei Cantieri navali, protagonisti anche di grandi affari immobiliari e commerciali in Lombardia, oltre che di traffici di sostanze stupefacenti, vecchia e nuova fonte di guadagno per Cosa Nostra. Nell'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dalla Dda e dai pm Dario Scaletta, Amelia Luise e Maria Rosaria Perricone, sono state coinvolte anche agenzie di scommesse, cavalli da corsa, negozi e attività commerciali intestati fittiziamente a prestanome. Alcuni dei beni sequestrati al momento del blitz, sono stati restituiti con la decisione del giudice Alecci.
Con la sentenza il gup ha disposto "la caducazione degli effetti delle misure cautelari" imposte ai componenti della famiglia Fontana, tra i quali c'è il collaboratore di giustizia Gaetano Fontana, disponendo dunque il ritorno in libertà, oltre che del "pentito", anche dei fratelli Angelo, Giovanni e Rita Fontana e della madre Angela Teresi. Libero anche Giulio Biondo, mentre a Pietro Abbagnato, Giovanni Di Vincenzo, Ivan Gulotta e Salvatore Ciampallari sono stati concessi gli arresti domiciliari. Fabio Chiarello ha lasciato gli arresti domiciliari e dovrà sottostare solo all'obbligo di dimora. Tra i beni dissequestrati e restituiti anche il cavallo da corsa Ungherese Jet. In sostanza il giudice ha aderito alle tesi difensive, secondo cui l'egemonia sulla zona costiera che comprende i quartieri di Acquasanta, Cantieri, Arenella e Vergine Maria non appartiene più alla famiglia Fontana ma a quella dei Ferrante. Tra i Fontana c'è anche il pentito Gaetano, che aveva sostenuto proprio questa versione.

Lista degli assolti
Gli assolti sono Daniele Santoianni; Lorenzo e Salvatore Badalamenti; Tommaso Bassi, Giulio Biondo, Antonino Bonura, Stefano Calafiore, Filippo Canfarotta; Andrea Ciampallari; Riccardo Colombo, Giuseppe Corona (difeso dagli avvocati Antonio Turrisi e Giovanni La Bua); Paolo Attilio Remo Cotini; Danilo D'Ignoti; Lorenzo Di Salvo, Leonardo Distaso; Francesco Charles e Laura Fabio; Ignazio Ferrante (difeso dall'avvocato Turrisi), Angelo Fontana, Rita Fontana, Angela Teresi, Filippo Lo Bianco, Davide Matassa, Gianluca Panno, Emilia Passarello, Raffaele, Gaetano Pensavecchia (assistito dall'avvocato Domenico La Blasca) Luigi Pensavecchia, Gaetano Pilo, Domenico Pitti, Vittorio Stanislao Pontieri, Massimiliano Regge (difeso dall'avvocato Salvatore Ferrante); Carmelo Rubino, detto Massimo; Rosolino Ruvolo, Monica Schillaci e Giuseppe Spallina, difeso dall'avvocato Corrado Sinatra.

Lista dei condannati
In ordine alfabetico: Pietro Abbagnato ha avuto 3 anni; Cristian Ammirata e Antonino Di Vincenzo un anno, sei mesi e venti giorni; Fabrizio Basile 12 anni; Fabio Chiarello e Salvatore Ciampallari 4 anni, 10 mesi e 20 giorni a testa; Salvatore Ciancio 8 mesi; Letizia Cinà 6 anni e dieci mesi; Gianpiero D'Astolfi e Salvatore Giglio 8 anni e due mesi ciascuno; Giovanni Di Vincenzo 5 anni e otto mesi; Francesco Ferrante e Giovanni Giannusa hanno avuto solo una multa: mille euro ciascuno; Francesco Pio Ferrante nove anni; Giovanni Ferrante otto; Michele Ferrante dodici; Gaetano Fontana un anno e sei mesi; Giovanni Fontana un anno e otto mesi; Giuseppe e Nunzio Gambino, Roberto Giuffrida sei anni e otto mesi a testa; Ivan Gulotta 5 anni; Roberto Gulotta 10 anni; Giovanni Mamone, Pierfulvio Pecoraro e Michela Radogna un anno e quattro mesi a testa; Sergio Napolitano, Domenico Onorato, Santo Pace, Domenico Passarello e Liborio Sciacca 12 anni ciascuno. I condannati dovranno risarcire le associazioni che si erano schierate, come parte civile, al fianco delle vittime delle estorsioni: Federazione antiracket Fai, Centro studi Pio La Torre, associazione Antonino Caponnetto, Solidaria, Sos Impresa, Confesercenti, Confcommercio, Sicindustria e Comune di Palermo.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Palermo, processo ''Mani in pasta'': chiesti cinque secoli di condanna

Inchiesta ''Mani in pasta'': tribunale del riesame scarcera altri indagati

Blitz ''Mani in pasta'': colpo alle famiglie storiche dell'Acquasanta e Arenella, 91 arresti

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos