Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Per “Il Supremo” un altro collegio di giudici, salvato dal maxi processo con altri 300 imputati

La Corte d'Appello di Catanzaro ha emesso un'ordinanza con la quale accoglie la dichiarazione di ricusazione di Luigi Mancuso, boss di Limbadi, difeso dagli avvocati Francesco Calabrese e Paride Scinica, imputato nel processo Rinascita-Scott, nei confronti dei giudici Brigida Cavasino e Danila GildaRomano, rispettivamente presidente e giudice a latere del maxi processo. Mancuso, detto "Il Supremo", è accusato di associazione per delinquere quale membro apicale dell'intera area della 'Ndrangheta Vibonese e dell'articolazione di Limbadi. L'ordinanza della Corte d'Appello è stata emessa in seguito alla sentenza "Nemea" del cui collegio giudicante avevano fatto parte sia Cavasino che Romano. Dunque si terrà davanti a un nuovo collegio di giudici il processo Rinascita Scott per quanto riguarda la posizione di Luigi Mancuso. La Corte richiama alcuni passaggi delle motivazioni della sentenza del processo “Nemea” istruito contro la cosca Soriano, che "viene descritta - scrivono i giudici della Corte d'Appello - in imputazione come articolazione della 'Ndrangheta vibonese, al cui vertice sarebbe posto Luigi Mancuso, per come affermato nella stessa sentenza Nemea". Per la Corte "la valutazione dell'operatività del Mancuso nel ruolo apicale operata nel processo Nemea al fine di valutare la posizione associativa dei Soriano, fondata sulla valutazione di fonti di prova in parte coincidenti con quelle del processo Rinascita-Scott, ha senz'altro integrato una valutazione di merito sullo stesso fatto associativo per il quale è imputato nel processo in corso. Di conseguenza, ciò concretizza l'ipotesi di ricusazione". A chiedere la ricusazione dei due giudici, nel marzo dell’anno scorso, fu lo stesso Mancuso, che dal carcere di Spoleto dove si trova detenuto dal 18 dicembre 2019 quando è stato arrestato dal Ros su un treno diretto a Lamezia Terme, aveva fatto dichiarazioni spontanee rompendo il silenzio per formulare istanza.

Foto d'archivio © ACFB

ARTICOLI CORRELATI

Rinascita Scott, pentito Arena: ''Al vertice della provincia vi è Luigi Mancuso’’

Rinascita-Scott: nuovo giudice al processo, ricusate le due a latere

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy