Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Siamo vicini alla famiglia Scopelliti e comprendiamo il suo sconforto per non avere ancora ricevuto risposte chiare e definitive sull'omicidio del loro caro". Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, nel corso della cerimonia di commemorazione di Antonino Scopelliti, il magistrato della Procura generale della Corte di Cassazione ucciso 31 anni fa a Villa San Giovanni. "Da parte nostra - ha aggiunto Bombardieri - c'è il massimo impegno per fare luce sull'assassinio di Nino Scopelliti. Abbiamo un procedimento pendente in riferimento a questa drammatica vicenda. Le indagini sono in corso, con attività rogatoriali anche a livello internazionale. Stiamo facendo tutto il possibile, ma bisogna capire che il lunghissimo tempo trascorso dai fatti rende tutto più difficile". 
Il procuratore offre una risposta alle parole di Rosanna Scopelliti, figlia del giudice, che in precedenza aveva detto: "Quella che pretendo è semplicemente la verità, che ancora manca, sull'assassinio di mio padre. Il ritardo nell'accertamento della verita' sull'assassinio di mio padre provoca problemi di fiducia nelle istituzioni e di credibilità dello Stato. Soprattutto per quel che riguarda il rapporto di fiducia che ci deve essere tra i cittadini e lo Stato. Siamo ancora in attesa di una svolta negli accertamenti per capire chi ha voluto e perché la morte di mio padre. Servirebbe, in sostanza, un cambio totale di metodo nelle indagini".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Scopelliti, memoria di un giudice integerrimo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy