Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ad un anno dalla sentenza di condanna a sei per concorso esterno in associazione mafiosa, fissata per ottobre l’udienza per l’ultimo grado di giudizio

Il processo contro l’ex sottosegretario all’Interno, il senatore trapanese Tonino D’Alì, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa, torna in Cassazione. E ci ritorna per la seconda volta. In Cassazione il procedimento contro l’esponente politico trapanese c’era già stato nel gennaio 2018, quando i giudici della Suprema Corte annullarono, con rinvio ad un nuovo processo di appello, quella sentenza con la quale D’Alì era stato assolto per le accuse successive al 1993 e prescritto per i reati contestati per il periodo precedente.
Nel luglio 2021 la Corte di Appello di Palermo lo ha condannato a sei anni di reclusione. Dopo il ricorso della difesa, la Cassazione ha adesso fissata udienza per il prossimo 11 ottobre. D’Alì è stato senatore dal 1994 al 2018, sottosegretario all’Interno, durante il Governo Berlusconi, dal 2001 al 2006. La procura generale di Palermo aveva chiesto una condanna a sette anni e quattro mesi, per l’accusa D’Alì è stato vicinissimo ad ambienti mafiosi e ad imprenditori risultati appartenere o vicini a pericolosi boss trapanesi. Indagini, per lo più frutto del lavoro investigativo della Squadra Mobile trapanese diretta da Giuseppe Linares, oggi a capo della struttura del Viminale che si occupa di sequestri e confische, e coordinate da un pool di magistrati, in particolare i pm Paolo Guido e Andrea Tarondo, che partirono dal rapporto che esisteva tra D’Ali e i famigerati Francesco e Matteo Messina Denaro, l’attuale latitante, e del “patto” stretto con loro per cedere a un prestanome, l’odierno pentito Francesco Geraci, gioielliere di Castelvetrano, suoi terreni arrivati poi nel possesso di Totò Riina. Un lungo processo, cominciato nel 2011 e che si è svolto in tutti i gradi di giudizio sempre con il rito abbreviato, ma durante il quale sono stati fatti transitare nuove investigazioni, come, l’ultima, quella dei Carabinieri di Trapani coordinati dal colonnello Antonio Merola, che materialmente fotografarono poco tempo addietro D’Alì in compagnia di esponenti della mafia rurale del trapanese. Nella sentenza di condanna i giudici ritengono provata l’accusa: “D’Alì con piena coscienza e volontà ha favorito Cosa nostra per più di 20 anni”.
Contro D’Alì pesano alcuni interventi fatti proprio mentre era sottosegretario all’Interno, come il trasferimento da Trapani in un battibaleno dell’allora prefetto Fulvio Sodano, che si era scontrato con lui proprio a proposito della difesa, esercitata dal prefetto, dei beni confiscati, come l’impresa Calcestruzzi Ericina che senza l’aiuto di Sodano sarebbe andata fallita, e che apparteneva al boss ergastolano Vincenzo Virga. Tra gli atti del processo la circostanza di un telegramma ricevuto da D’Al dal carcere e ritenuto provenire proprio da uno dei figli del boss, che lamentava come loro si stavano facendo il carcere. C’è poi la vicenda del tentato trasferimento da Trapani del Capo della Mobile, Giuseppe Linares, proprio mentre questi si occupava di indagini per la ricerca di latitanti, e dei rapporti tra mafia, politica e imprese. Circostanze svelate in diversi verbali dal collaboratore di Giustizia, Nino Birrittella, e da un sacerdote, Ninni Treppiedi, che per un periodo fu vicino al senatore D’Ali, tanto da raccogliere “segretissime confidenze”, e dal quale si divise dopo avere ricevuto determinate pesanti richieste di intervento, per condizionare alcune testimonianze. D’Alì, insomma, il coperchio di una pentola dove per decenni si sono mischiati rapporti tra mafia e istituzioni, sarebbe stato il testimone del passaggio dalla mafia rurale a quella più moderna della mafia diventata impresa. Le risultanze investigative da tempo lo hanno indicato come esponente della cosiddetta mafia borghese, quella che a Trapani ha sempre regnato controllando le banche e la politica.
Di D’Alì e della sua banca, la Sicula, si occupò nei primi anni ’90 l’allora capo della Squadra Mobile, Rino Germanà, sfuggito ad un super agguato di mafia nel settembre del 1992. Nel 2017, D’Alì, mentre era candidato a sindaco di Trapani, fu raggiunto da una richiesta di obbligo di dimora a Trapani per pericolosità sociale, misura di prevenzione confermata dal Tribunale di Trapani ma poco tempo addietro revocata in appello per mancanza di attualità dei rapporti con soggetti mafiosi e infine annullata dalla Cassazione.

Tratto da: alqamah.it

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy