Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Propalazioni di Amara non riscontrate"

La procura di Perugia ha chiesto al gip di archiviare il procedimento sulla 'loggia Ungheria', "che consta di 167 pagine ed è accompagnata dall'intero fascicolo, contenuto in quasi 15 faldoni di documenti" si spiega in una nota. Il procedimento ha ad oggetto "una particolarmente delicata indagine" che riguarda una presunta associazione segreta, denominata "Ungheria", che avrebbe agito in violazione della Legge Anselmi, che punisce le associazioni segrete che svolgono attività diretta ad interferire sull'esercizio delle funzioni di organi costituzionali. 
Così come scritto in un comunicato della stessa Procura il complesso delle indagini condotte dalla procura di Perugia sulla cosiddetta Loggia Ungheria "ha portato a ritenere integralmente o parzialmente non riscontrate numerose propalazioni dell'avvocato" Piero Amara. Che per l'Ufficio guidato da Raffaele Cantone "tecnicamente vanno inquadrate come chiamate in correità dirette o de relato, e quindi come non accertati fatti narrati o in alcuni ha portato a ritenere avvenuti i fatti, ma escluso che in essi Amara avesse potuto svolgere un ruolo, come da lui riferito".
Nella richiesta di archiviazione si fa specifica menzione per ognuno degli episodi narrati da Amara degli accertamenti fatti e degli eventuali riscontri anche e soprattutto in funzione di verificare sia l'attendibilità dell'avvocato sia se gli episodi raccontati potessero essere essi stessi "elementi sintomatici" dell'esistenza dell'associazione Ungheria. Alla valutazione di attendibilità di Amara - si legge nel comunicato della Procura di Perugia - è stato dedicato un intero paragrafo in cui si sono esaminate "le tante aporie e contraddizioni emerse, ma anche le non poche conferme al suo narrato con riferimento ad alcuni specifici episodi e si è concluso nel senso che le complessive dichiarazioni dell'avvocato non dovessero considerarsi affette da quella 'inattendibilità talmente macroscopica da compromettere in radice la credibilità del dichiarante' e si è ritenuto di conseguenza necessario un livello di riscontri particolarmente elevato".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Amara: al via udienza Davigo, oggi la testimonianza di Ermini

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy