Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Indagine potrebbe allargarsi ad oltre trenta vittime del Piano Condor

La Procura di Roma da tempo ha aperto un fascicolo nei confronti di Carlos Malatto, il tenente colonnello dell'esercito argentino finito sotto inchiesta per quanto compiuto a San Juan tra il 1976 e il 1977 nell'ambito del Piano Condor, l'azione messa in atto dalle giunte militari del Sudamerica contro gli oppositori politici.
All'ex ufficiale, che ha cittadinanza anche italiana e da anni vive in Sicilia, a Furnari, per il momento sono contestati otto casi di persone decedute o scomparse alla fine degli anni '70. Tra loro anche Juan Carlo Campora, allora rettore dell'Università di San Juan, Alberto Carbajal, ex segretario locale del partito comunista, torturato e morto in cella e Marie Anne Erize, la modella e attivista argentina, con cittadinanza francese, di cui si sono perse le tracce durante quella che è stata ribattezzata come la Guerra Sporca.
Il procedimento però potrebbe allargarsi anche ad altre vittime di quegli anni drammatici. Oggi il segretario di Stato per i diritti umani dell'Argentina, Horacio Pietragalla Corti, ha depositato all'attenzione dei pm romani una integrazione di denuncia in cui si chiede ai magistrati di indagare su altri trenta casi avvenuti sempre a San Juan in Argentina dove le operazioni erano coordinate da Malatto.
Delle 30 'nuove' vittime su cui si chiede di fare verifiche, 7 furono uccise e di 23 si sono perse le tracce. "Per noi è molto importante essere qui oggi e mostrare la volontà dello Stato argentino di essere parte civile in questi processi - ha affermato, come riportato dall'agenzia ANSA, Pietragalla Corti dopo avere incontrato gli inquirenti -. Un modo di collaborare con la giustizia italiana e dare una spinta allo sforzo dei familiari delle vittime. E' la prima volta che l'Argentina si costituisce parte civile per questi delitti fuori dal Paese. Vogliamo portare avanti la possibilità di fare processi in Italia, per riaffermare il processo di verità, memoria e giustizia. In Argentina sono oltre 1.040 le persone condannate - ha aggiunto - per crimini contro l'umanità rispetto ai fatti accaduti durante gli anni della dittatura militare".
Intanto è fissato per il prossimo 14 luglio, davanti alla III Corte d'Assise, il processo all'ex comandante di Marina dell'Uruguay, Jorge Nestor Troccoli, per gli omicidi della cittadina italiana Raffaella Giuliana Filippazzi e di Augustin Potenza ed Elena Quinteros. Troccoli è attualmente detenuto nel carcere di Carinola, in provincia di Caserta, in seguito all'ergastolo passato in giudicato per la morte di una ventina di desaparecidos.

ARTICOLI CORRELATI

Desaparecidos: in Argentina sentiti nuovi testimoni contro Carlos Malatto

L'America Latina scende in piazza: giustizia per i 30.000 desaparecidos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy