Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Dovrà essere rifatto il processo per “concorso esterno in associazione mafiosa” contro Vito Nicastri, il "re dell'eolico" considerato vicino al latitante Matteo Messina Denaro. Lo ha stabilito la corte di Cassazione, che ha accolto il ricorso della Dda del capoluogo siciliano, annullando 'con rinvio' il precedente giudizio di Appello, in cui Nicastri era stato condannato a quattro anni per intestazione fittizia dei beni e assolto dall'accusa di “concorso esterno”. Adesso si svolgerà un nuovo processo davanti la corte d'Appello di Palermo. L'accusa, invece, aveva retto in primo grado, quando il gup di Palermo aveva condannato l'imprenditore originario di Alcamo a 9 anni di carcere anche per “concorso esterno”. La vicenda risale all'indagine Pionica, coordinata dai pm Antimafia e condotta dai carabinieri del comando provinciale di Trapani, del Reparto operativo speciale (Ros) e della Dia di Trapani ed eseguita nel marzo 2018. Ad un anno di distanza, il nome di Nicastri balzò fuori da un'inchiesta per corruzione, in cui è stato indagato anche l'allora sottosegretario leghista, Armando Siri: per quest'inchiesta, “il re dell'eolico” nel dicembre 2019 ha patteggiato una condanna a 2 anni e dieci mesi.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Vito Nicastri assolto dall'accusa di concorso esterno

Processo Pionica: per il gup, Vito Nicastri non diede soldi a Messina Denaro

Vito Nicastri condannato a 9 anni: ''Ha finanziato la latitanza di Messina Denaro''


Corruzione: i Nicastri patteggiano le condanne

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy