Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il plenum del Csm ha votato all'unanimità Gaetano Calogero Paci, procuratore aggiunto di Reggio Calabria, per l'incarico di procuratore della Repubblica di Reggio Emilia. La Procura di Reggio Emilia è retta dalla facente funzioni Isabella Chiesi da quando, a febbraio 2021, il Csm ha disposto il trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale del procuratore Marco Mescolini. Il plenum concluse che la sua credibilità fosse stata compromessa dall'ampia risonanza avuta dalle sue chat con Luca Palamara, relative alla sua nomina. Paci, siciliano, ha iniziato la sua carriera in magistratura da giudice a Palermo fino al 1995, per poi passare nella Procura della stessa città, entrando a far parte della Dda e occupandosi di criminalità mafiosa. Proprio grazie alle indagini da lui coordinate, sono stati catturati pericolosi esponenti - in particolare dei mandamenti di Caccamo e Villabate - da Mariano Tullio Troia (boss di Cosa Nostra nonchè uno dei luogotenenti più fidati di Totò Riina), a Tommaso e Giacomo Amato, al superlatitante Natale Bonafede fino a Salvatore e Sandro Lo Piccolo (padre e figlio che reggevano la cosca di San Lorenzo). Sue le accuse che hanno portato alla condanna dei boss trapanesi che uccisero il giornalista Mauro Rostagno. Dal 2014 a Reggio Calabria, ha coordinato la Dda e le misure di prevenzione, svolgendo le funzioni di procuratore reggente dal 2017 al 2018 durante la vacatio lasciata da Cafiero de Raho, nominato alla superprocura antimafia. Tra le inchieste calabresi più rilevanti: l'omicidio del giudice Scopelliti e le principali cosche di 'Ndrangheta come i Piromalli, Pesce e i De Stefano.
"Rappresento il massimo compiacimento per la nomina all'unanimità da parte del plenum del Csm del dottor Gaetano Calogero Paci quale procuratore della Repubblica di Reggio Emilia. Il collega ha un altissimo profilo professionale e un percorso all'interno della magistratura requirente in terre tradizionali di mafia, quali sono la Sicilia e la Calabria. Profilo e percorso che ben si confanno al distretto dell'Emilia-Romagna e in particolare alla provincia reggiana, dove è in atto l'insediamento della 'Ndrangheta, criminalità mafiosa ben conosciuta dal collega". Ha detto Lucia Musti commentando la nomina. "Promuoverò al ministero la presa di possesso anticipata, così che possa entrare al più presto in servizio, nel doveroso rispetto delle esigenze di servizio di Reggio Calabria, ufficio di provenienza", ha detto.

Foto © Davide de Bari

ARTICOLI CORRELATI

Il Csm sbaglia ancora!
di Giorgio Bongiovanni

Paci: ''La 'Ndrangheta di oggi? Sempre più globale''

La lotta alla mafia in Italia. A tu per tu con gli addetti ai lavori al premio Paolo Borsellino

Misteri d'Italia. Beppe Alfano, l'assassinio del cronista anti boss cerca ancora una verità

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy