Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Una giornata di sciopero contro la riforma dell'ordinamento giudiziario e del Csm. È quanto prevede la mozione unitaria, approvata con una maggioranza molto ampia (oltre mille voti a favore su 1.423 votanti) dall'assemblea generale dell'Associazione nazionale magistrati.  L'assemblea delega la Giunta dell'Anm a "individuare tempestivamente la data e le concrete modalita' organizzative, tenendo conto dello sviluppo dei lavori parlamentari in corso". Nella giornata di astensione, si legge ancora nella mozione approvata, saranno organizzate "assemblee aperte" a rappresentanti delle istituzioni e dei cittadini. Il comitato direttivo centrale viene inoltre delegato, "qualora non vi fossero modifiche idonee ad elidere le criticità del progetto di riforma, a prevedere tempestivamente nuove forme di protesta, non esclusa l'astensione".
"Non scioperiamo per protestare, ma per essere ascoltati, non scioperiamo contro le riforme, ma per far comprendere, dal nostro punto di vista, di quali riforme della magistratura il Paese ha veramente bisogno", si legge nella mozione, "Per questa idea di Paese ci troviamo costretti a scioperare, per questa idea della Magistratura, che non è solo nostra, ma è quella contenuta nella nostra splendida Costituzione".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

La riforma ''sbagliata'' dell'ordinamento giudiziario. Lettera aperta dell'Anm

Di Matteo: ''Riforma renderà il magistrato servente ai poteri dello Stato''

Il consigliere togato: “Voglia di vendetta nei confronti di quei giudici che hanno portato alla sbarra il Potere”

Di Matteo: ''La classe dirigente del nostro Paese vuole punire certi magistrati''
di Giorgio Bongiovanni

Provoca oggi e provoca domani, la ministra Cartabia rischia di fare pastrocchi
di Saverio Lodato

Riforma Cartabia, continua la propaganda dei mercenari del potere
di Giorgio Bongiovanni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy