Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Lia Sava, 58 anni, è la prima donna procuratore generale di Palermo: l'ha nominata il plenum del Csm, dopo che in una seduta precedente l'altro candidato, Luigi Patronaggio, era stato scelto come procuratore di Cagliari. Sava è attualmente Pg di Caltanissetta e ha svolto tutta la carriera tra Bari, città di cui è originaria, e Palermo, dove ha lavorato nella Dda sin dai tempi del procuratore Gian Carlo Caselli. E' stata tra i pm dell'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia e a Caltanissetta si è occupata di delicatissime indagini sulle stragi.
"Sono molto onorata per questa nomina - ha commentato la stessa Sava a LaPresse - conosco bene la Sicilia, avendo lavorato per 15 anni alla Procura di Palermo e per altri 5 anni a Caltanissetta, come aggiunto. Conosco questa terra e la sento come se fosse la mia terra e sono per questo particolarmente onorata di prendere il posto di Roberto Scarpinato. Metterò in questo incarico il massimo impegno, con senso di responsabilità e studio serrato delle carte. Ho chiuso il processo Borsellino quarter, in appello, Capaci in appello, ho incontrato collaboratori di giustizia tra Palermo e Gela. Sono consapevole della delicatezza dell'impegno che assumo". E poi ancora ha aggiunto: "Credo che la Sicilia sia una terra meravigliosa - prosegue - sia dal punto di vista delle intelligenze che dal punto di vista delle tante capacità di resistere ai colpi della sorte, ma anche ai colpi della criminalità organizzata. È una terra che ha saputo reagire e provare a sverminarsi, quando è stato necessario. Soltanto che, accanto a quelli che hanno un'intelligenza votata al bene, vi sono coloro che hanno un'intelligenza votata al male e questo crea delle insidie, che bisogna con altrettanta intelligenza e determinazione contrastare. Bisogna uscire da questa ambiguità, bisogna cercare di concentrarsi sempre votando al bene l'intelligenza. Quando si dice che la Sicilia è terra di mafia, la Campania terra di camorra, Calabria terra di 'Ndrangheta, è limitativo. Le indagini fatte in questi anni ci dimostrano che la criminalità è inserita in altri contesti e lo sforzo di fare funzionare le intelligenze votate al bene deve essere uno sforzo fatto per concentrare le migliori intelligenze italiane verso uno slancio etico".

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy