Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La quinta sezione della Cassazione ha confermato ieri a tarda sera undici delle condanne emesse dalla Corte d'Appello di Palermo nell'ambito del processo Apocalisse contro il racket delle estorsioni nelle zone occidentali del capoluogo siciliano, in particolare nei quartieri di Resuttana e San Lorenzo. Unico annullamento con rinvio per Giuseppe Messia (difeso dagli avvocati Claudio Gallina Montana e Giovanni Mannino), che dovrà subire un nuovo processo a Palermo, mentre i supremi giudici hanno ritenuto inammissibile il ricorso della Procura generale con riferimento, tra gli altri, a Camillo Graziano, componente di una nota famiglia di costruttori, assistito dagli avvocati Loredana Lo Cascio e Raffaele Bonsignore. 
In primo grado era stato condannato a 15 anni e in appello il verdetto fu ribaltato. Adesso l'assoluzione diventa così definitiva. Sono stati respinti i ricorsi di Domenico Barone, Giuseppe Calvaruso, Girolamo D'Alessandro, Ignazio Di Maria, Sebastiano Filingeri, Agostino Matassa e Girolamo Taormina. Inammissibili poi i ricorsi degli imputati Salvatore D'Urso, Giuseppe Faraone, Giuseppe Giorlando e Francesco La Barbera. Faraone era un politico dc ed era stato anche consigliere comunale e di circoscrizione a Palermo. 
Il processo “Apocalisse” nasceva dall’indagine coordinata dai pm Annamaria Picozzi, Amelia Luise, Roberto Tartaglia e Dario Scaletta, che portò a due blitz nel 2014 e nel 2015.
La Corte ha anche liquidato risarcimenti in favore delle parti civili, 3500 euro all'associazione La verità vive, Addiopizzo, Solidaria, Sos Impresa; 8000 in favore della Fai, federazione Antiracket e antiusura, della associazione Antiracket Giordano di Gela, di Confartigianato Palermo e di singole vittime delle estorsioni come Giovanni Salsetta, Gaetano Piazza, Antonino Arnone, Gianfranca Santangelo, Liborio e Vincenzo Abbate, difesi dagli avvocati Salvatore Caradonna e Salvatore Ugo Forello; 6000 euro a Confcommercio e Confesercenti, assistite dall'avvocato Fabio Lanfranca, Assindustria e centro studi Pio La Torre, patrocinati dall'avvocato Ettore Barcellona.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy